mercoledì, Ottobre 27

Belli no, però tanto buoni Attraverso alcuni portali web specializzati, è possibile accedere facilmente a tutte le offerte presenti in Rete

0

Belli forse no, però buoni. Tanto. E tanti: internet è pieno di buoni sconto di ogni genere: dai cosmetici alla carne fresca, dai vini alle borse di lusso, dagli asciugoni ai prodotti farmaceutici, fino ai formaggi e gli orologi: e se si riesce a scovare quelli giusti il taglio alla spesa può diventare molto significativo.

Sono così ricercati, i buoni sconto, che su E-bay si possono addirittura comprare e – ad esempio – per un centesimo si acquista un buono sconto da 5 euro alla Feltrinelli o il 15% di sconto su una camicia.

Per mettere questa strategia a disposizione anche dei navigatori meno “navigati”, sono nati interi portali web specializzati nella raccolta di buoni sconto.

Questi siti permettono di accedere facilmente a tutte le offerte presenti in Rete. Che sono sempre di più: se quella del coupon è una delle strategie di marketing più antiche (a inventarla è stata la Coca-Cola, che agli inizi del Novecento distribuiva biglietti scritti a mano validi per acquistare i bicchieri della bevanda a prezzo scontato) oggi tutte le grandi aziende seminano il web con buoni sconto: da Galbani ad Amadori, da Amazon a Italo Treno passando per Mulino Bianco e  Bottega Verde. Diventa così all’ordine del giorno risparmiare su alimenti, cosmetici, trucchi, abbigliamento, viaggi, abbonamenti e servizi di ogni sorta.

Di solito una volta connessi al sito collettore di buoni, basta registrarsi gratuitamente e poi seguire le indicazioni riportate dentro ogni offerta. In qualche caso si riceve un coupon che va stampato o salvato direttamente sullo smartphone e poi esibito al negozio; in altri casi si trovano codici sconto, riservati agli acquisti online: si può usufruirne inserendoli nella sezione del “Carrello” in un apposito campo: una volta inserito il codice verrà detratto lo sconto indicato dall’importo totale. E fare del buono sconto una vera e propria strategia di risparmio mensile .

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->