lunedì, Agosto 2

Belgio: ecco il più grande 'birradotto' mai costruito

0

Grazie a una campagna di crowdfunding, è stato realizzato a Bruges, una città medievale del Belgio, il birradotto più grande mai stato costruito. L’idea parte da un’iniziativa fortemente ecologica: il sistema di tubature sotterranee che trasportano la Brugse Zot, dal birrificio alla fabbrica di imbottigliamento, vuole evitare il disagio del traffico di camion per migliorare le condizioni ambientali dell’antica città, patrimonio dell’Unesco. Anche Xavier Vannaste, direttore generale del birrificio De Halve Maan, ha insistito sull’importanza dell’impatto ambientale:  il birradotto porterà a una riduzione dell’85% circa del trasporto su strada tramite l’ausilio di camion, che a lungo andare potrebbe causare danni permanenti all’antico centro cittadino. «Quando ho visto istallare sotto la strada dei cavi per telecomunicazioni o altri tipi di cavi, parlando con gli addetti ai lavori ho capito che avremmo potuto farlo fare anche noi», ha dichiarato Vannaste.
Ci sono voluti 4 milioni euro per costruire il birradotto lungo tre chilometri e capace di trasportare circa 6 mila litri di birra ogni ora. In 15 minuti il viaggio da una parte all’altra della città sarà concluso. Certamente, il birradotto non garantirà l’arrivo della birra direttamente a casa propria, ma la ricompensa non è affatto male per i finanziatori: come ricompensa per il finanziamento, la De Halve Mann offrirà ai clienti una fornitura a vita di birra: ad esempio chi ha investito 7.500 euro riceverà una bottiglia di Brugse Zot al giorno. Altre formule sono state pensate per i ristoratori.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->