lunedì, Luglio 26

Barnum, alla fiera dell’ego .2 Dilaga ovunque il Talk Shaw di chi sa come migliorare tutto e far funzionare il Paese, e non solo. In televisione, sulle radio, sul web. E forse anche il vostro vicino sull’autobus…

0

Claudio Lotito

L’anticipazione di ieri su ‘L’Indro‘, ne ‘Il Contrappunto’, dell’avvio di Barnum, il Talk Show televisivo di chi con il proprio tracimante ego sa come far funzionare tutto, dalla politica all’economia, alla famiglia, e magari anche quel rubinetto del bagno che perde da quattro mesi, ha creato un effetto emulazione. 

Nelle televisioni, sulle radio e sul web, nei bar e per strada non si parla d’altro. Anzi, più correttamente, non si fa altro. Ché esibirsi alla fiera dell’ego (sottotitolo del programma) è massima aspirazione. E anche quando il programma sarà finalmente in palinsesto, con propria precisa collocazione, in realtà continuerà comunque dappertutto. Magari ne è protagonista anche il vostro vicino sull’autobus che sa come risolvere il problema del traffico a Roma, il poliziotto in pensione del vostro palazzo che vuole mitragliare tutti i romeni dato che qualcuno (magari di Viterbo) ha scippato la moglie, il proprietario dell’alimentari dietro l’angolo che ne ha per chiunque. Ché superfetazione e frustrazione viaggiano comunque spesso assieme.

Intanto segnaliamo doverosamente la protesta del Presidente della Lazio, Claudio Lotito, per non essere stato inserito nel nostro primo elenco. Giusto, chi meglio di lui? Ed immediatamente provvediamo. Ci sarà anche Giorgio Albertazzi accompagnato dai propri ego e superego, per cui sono state riservate otto poltrone. E poi criminologipsichiatripsicologisessuologi, giornalisti senza fissa dimora, ufologi, tuttologi… E molti di quei pastori che, come dice Papa Francesco «impongono al proprio gregge carichi che loro non sfiorano nemmeno». Particolarmente prestigiosa la presenza di Barbara d’Urso, accompagnata dai fantasmi di Roberta Ragusa ed Elena Ceste.

Che la festa cominci.     

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->