mercoledì, Aprile 21

Banca Mondiale e Paesi indiani emergenti C'è stato un forte rialzo grazie a quanto fatto per le politiche del lavoro

0

Un rapporto della Banca Mondiale dal titolo ‘Valutazione dello stato di attuazione delle riforme commerciali‘ è stato rilasciato nei Paesi indiani, con i risultati di una valutazione di attuazione delle riforme da parte degli Stati, guidati dal Dipartimento per la Politica e la Promozione Industriale (DIPP), Ministero del Commercio e dell’Industria, Governo dell’India, con il supporto del Gruppo della Banca mondiale e KPMG come partner conoscenza e facilitata dalla Confederation of Indian Industry (CII) e la Federazione delle Camere di Commercio Indiana e dell’Industria (FICCI).

Questa valutazione, la prima del suo genere, è stata condotta per fare il punto sulle riforme attuate dagli Stati nel periodo 1 ° gennaio al 30 giugno 2015, sulla base del piano d’azione 98 punti per le riforme di lavoro concordato tra DIPP e governi statali e territoriali dell’Unione il 29 Dicembre 2014.

Quello che questo rapporto fa molto bene è quello di fornire una tabella di marcia per gli stati seri su come migliorare il loro ambiente di lavoro e la creazione di posti di lavoro con l’obiettivo di includere le piccole e medie imprese che ne trarranno il massimo da queste riforme e la Banca Mondiale, è pronta ad assistere i governi statali in questo importante ordine del giorno” ha detto Onno Ruhl, Direttore in India della Banca Mondiale.

(tratto dal canale ‘Youtube’ con video di ‘Public Reporter’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->