mercoledì, Aprile 21

Bambini di guerra, storie e drammi in uno scatto Il nuovo lavoro del fotoreporter britannico Giles Duley

0

Si sa che nelle guerre a rimetterci è sempre la popolazione. Ma sono i bambini quelli più colpiti dai conflitti. Splendido il lavoro compiuto dal fotoreporter britannico Giles Duley, che ha fotografato i volti e le storie di tanti di questi bambini, coinvolti da ogni parte, loro malgrado, in situazioni di guerra. Duley nel 2011 ha perso entrambe le gambe e un braccio in Afghanistan per colpa di una mina. La prognosi fu terribile ed è rimasto ricoverato in ospedale per un anno. Ma appena 18 mesi dal terribile incidente, l’uomo è tornato sul campo, a fare quello che meglio gli riusciva nella vita, fotografare. E non semplici scatti, ma compiere dei veri e propri documentari ad immagini nelle zone di guerra. Ecco una carrellata delle immagini di bambini di guerra più toccanti e significative, spiegate proprio dallo stesso autore.

(video tratto dal canale Youtube della BBC News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->