martedì, Giugno 22

Balliamo a Capodanno con 'Sul bel Danubio Blu' field_506ffb1d3dbe2

0

Il tradizionale Concerto di Capodanno del 2012 vedeva, come sempre, la partecipazione della Filarmonica di Vienna ed era diretto da Mauriss Jansons. Tale concerto è nato nel 1939 ed è trasmesso dalla Musikverein di Vienna, e ormai da vari anni in Eurovisione sulla Rai. Si eseguono alla fine i classici di Strauss: il primo è una polka veloce (‘o galopp’), il secondo è ‘An der schönen blauen Donau’ (Sul bel Danubio blu’) di Johann Strauss jr e il terzo è la ‘Radetzky-Marsch’ (Marcia di Radetzky’) di Johann Strauss padre. Su quest’ultimo è prassi consolidata che il pubblico in sala batta le mani, seguendo il tempo scandito dal direttore, assieme all’incalzare dell’orchestra che alla fine augura buon anno. Le coreografie dei ballerini legate al brano ‘Sul bel Danubio blu’ del 2012 erano state realizzate da Davide Bombana, riprendendo i passi di danza dei ballerini, direttamente, dal Castello del Belvedere di Vienna. Il palco e la sala da concerto della Musikverein erano impreziositi con i migliori fiori provenienti dalla città di Sanremo, come consuetudine da anni. Il corrispettivo di tale concerto viennese in Italia è il Concerto dalla Fenice di Venezia, con brani operistici italiani.

(tratto dal canale Youtube di un utente con immagini video del trasmesso dalla ‘Rai’)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->