giovedì, Giugno 17

Baghdad: in migliaia protestano contro lo Stato corrotto

0

Le proteste di massa contro il Governo iracheno hanno inondato le strade di Baghdad. Sventolando bandiere irachene, a suon di “sono tutti ladri”, i manifestanti hanno marciato da piazza Tahrir verso la Zona Verde, dove ha sede il Governo, con l’obbiettivo di opporsi a gran voce ad un Governo corrotto e di protestare contro una crisi politica che dura da mesi.
I sostenitori di Moqtada al-Sadr, leader del Movimento Sadrista, hanno marciato per chiedere al premier Haider al-Abadi di sostituire i ministri nominati in base alla loro appartenenza politica, con ministri tecnocrati, competenti ed efficienti. Il desiderio è quello di epurare il Governo da un sistema politico clientelare che pullula di corruzione e che non riesce a far fronte a tutte quelle difficoltà politiche ed economiche che l’Iraq sta attraversando, dalla lotta contro l’ISIS alla diminuzione delle entrate del petrolio.

Nelle ultime settimane, il Primo Ministro Haydar al-‘Abadi aveva già proposto un programma per affrontare la corruzione e, proprio in seguito a questa proposta, Sadr ha radunato i manifestanti per ‘spaventare’ i Parlamentari e ‘costringerli’ ad applicare le riforme proposte dal premier iracheno.
«La nostra partecipazione alla manifestazione vuole respingere la corruzione. Questo Governo non ha portato altro che povertà e morte» dichiarano alcuni manifestanti.
Secondo Ahmed Maher, attivista egiziano, questo è uno dei peggiori momenti di crisi politica dell’Iraq, dopo l’invasione guidata dagli Usa e la caduta di Saddam Hussein nel 2003.

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera English)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->