mercoledì, Settembre 29

Ecco Autonom Cab, il primo taxi senza conducente A presentarlo, la società francese Navya

0

Autonom Cab  potrebbe essere il primo taxi senza conducente.  E’ una monovolume, lunga 4.60 metri, di 6 posti, a trazione elettrica.  Presentata dalla società francese Navya, il cui quartier generale è a Villeurbanne,  Autonom Cab è stata realizzata per andare incontro all’ esigenze ambientali e ad offrire un sistema che prevede la condivisione della vettura attraverso internet, attraverso lo smartphone. 

«Immaginate che come sarebbero le città come se non ci fossero altri veicoli che quelli automatici a correre sulla strada. Niente più blocchi di traffico o problemi di parcheggio, meno incidenti e minori inquinamenti », ha detto l’ Amministratore delegato di NAVYA, Christophe Sapet. «A NAVYA» – ha proseguito Sapet – «riconosciamo che lo stato delle autovetture sta rapidamente cambiando, soprattutto tra le generazioni più giovani, molti dei quali non hanno la patente di guida e sono meno legate al concetto di possedere un’auto. Quello che vogliono sono soluzioni di mobilità disponibili 24/7, garantendo loro sicurezza e benessere a un costo ridotto. AUTONOM CAB è il punto di partenza e rivoluzionerà le abitudini e la tecnologia, consentendo così a molte persone di accedere a una nuova soluzione di mobilità».

La società Navya, la cui fondazione risale al 2014,  è di proprietà di alcuni fondi di investimento che hanno condiviso il progetto. Tra questi anche Valeo, gigante della componentistica elettronica. L’ entrata in servizio dell’ Autonom Cab sarebbe prevista per la metà del 2018. 

Il prezzo del taxi-robot? Circa 290.000 dollari.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->