giovedì, Settembre 23

Auto: cresce la vendita di pneumatici online

0

L’E-commerce in tempi di crisi sembra sempre più il canale preferito per gli acquisti in Europa. La recessione economica infatti ha messo in crisi i tradizionali canali di vendita e la clientela è sempre più alla ricerca degli affari, anche sulla Rete.  Se fino ad oggi canali come Amazon ed Ebay sembravano avere il controllo quasi totale sugli acquisti nel Web, negli ultimi anni la vendita online e le sue grandi opportunità sono state fiutate da molti imprenditori. La diretta conseguenza il moltiplicarsi di siti che permettono uno shopping a prezzi vantaggiosi. Nonostante però si moltiplichino allo stesso tempo i rischi di truffe, i dati sembrano comunque incoraggianti, con un mercato che si sta allargando a ritmi vertiginosi. In Italia tra le città più attive per gli acquisti su Internet ci sono Firenze, Roma e Milano, con una spesa media che si aggira intorno ai 110 euro.

Tra i settori in crisi anche quello delle auto e in particolare quello della vendita dei pneumatici. Un particolare significativo, visto che da sempre il rapporto con il proprio gommista e meccanico è stato fondamentale come in pochi altri casi. Ma la recessione e il portafoglio meno capiente hanno costretto in molti a svoltare su altri canali. Se ipermercati e centri commerciali hanno offerto negli ultimi anni un canale di vendita alternativo, offrendo gomme a buon mercato, con l’opportunità ancora di toccare con mano il pneumatico e assicurarsi della loro ‘bontà’, ora l’attenzione si è spostata prepotentemente sull’e-commerce, o per meglio dire l’e-gommerce. Nel settore pneumatici a trainare le vendite online sono Germania, Francia e Russia, con una quota di shop sulla Rete che dovrebbe passare dall’attuale 8-10% entro il 2020 al 20%.  Costi, disponibilità e vastità nella scelta tra gli elementi che spingono questi negozi virtuali, ma anche una serie di servizi che stanno dando davvero convincendo anche i più scettici. Tra questi il ritiro degli pneumatici consumati, ma soprattutto la consegna a domicilio e il montaggio in officine specializzate e  collegate al canale di vendita. Un servizio questo che piano piano sta crescendo anche in Italia, in canali come Tirendo. Segno che i canali tradizionali non sono più i depositari indiscussi della fiducia degli automobilisti. Altro particolare da non sottovalutare le schede dettagliate presenti per ogni tipo di pneumatico e che permettono anche ai meno esperti di venire a conoscenza delle caratteristiche principali e delle classi di consumo e di uso. Particolari questi sempre più d’attualità con la nuova legislazione riguardante i pneumatici invernali.

Insomma se il presente è ancora dei gommisti “in carne ed ossa”, il futuro sembra ormai pronto a svolgersi nella realtà virtuale. E se c’è il risparmio e la qualità, a guadagnarci di sicuro è l’automobilista.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->