Autore Stefano Rolando

Stefano Rolando, 1948, laureato a Milano in Scienze Politiche, è docente, manager, comunicatore. Dopo esperienze di management in aziende (Rai e Olivetti) e istituzioni (Presidenza Consiglio dei Ministri e Consiglio Regionale della Lombardia), è stato dal 2001 al 2018 professore di ruolo (Economia e gestione delle imprese) alla facoltà di Scienze della comunicazione dell'Università IULM di Milano, dove continua gli insegnamenti in materia di comunicazione pubblica e politica e l'attività di ricerca applicata Dal 2005 al 2010 è stato segretario generale della Fondazione di ricerca dell'ateneo. È stato anche segretario generale della Conferenza dei presidenti delle assemblee regionali italiane e rappresentante italiano nel comitato scientifico Unesco-Bresce. Dal 2008 è presidente (Melfi-Roma) della Fondazione “Francesco Saverio Nitti” (www.fondazionefsnitti.it). Dal 2021 è anche presidente (Milano) della Fondazione “Paolo Grassi – La voce della cultura” (www.fondazionepaolograssimilano.org/). Attività e pubblicazioni www.stefanorolando.it

Russia - Ucraina: cento giorni e poi ... fine di un impero o di una guerra?
Guerra russo-ucraina e apparenti giravolte dell'opinione pubblica italiana
La UE fotografia il sentiment degli europei dopo due anni di pandemia
UE, NATO e G7 obiettivo: lo sgretolamento reputazionale di Putin
Pandemia: rispondere al negazionismo e alla confusione sociale
Pandemia: rispondere al negazionismo e alla confusione sociale C’è una grave crisi di spiegazione pubblica. La pandemia deve portare a una comunicazione pubblica, coordinata ma orizzontale, orientata a un largo processo di spiegazione
di

Dopo Monti che ha posto il tema di equilibrare il surriscaldamento mediatico, Cassese in tv recita le leggi illeggibili. C’è una grave crisi di spiegazione pubblica. Serve una riforma della comunicazione pubblica