giovedì, Aprile 22

Austria, il Leopold Museum restituisce opere rubate dai nazisti

0

«E’ un giorno felice per l’Austria». Così il ministro della cultura dell’Austria Josef Ostermayer ha annunciato che a breve il Leopold Museum di Vienna restituirà cinque opere d’arte saccheggiate dai nazisti durante l’ultimo conflitto mondiale agli eredi del proprietario, un ebreo vittima dell’Olocausto. Si tratta di cinque tele del pittore Egon Schiele, di proprietà dell’uomo d’affari viennese Karl Maylaender, morto dopo essere stato deportato in un campo di lavoro durante la Seconda guerra mondiale. Il museo restituirà due acquerelli, tra cui un autoritratto di Schiele. I restanti tre pezzi rimarranno nel museo, che possiede la più grande collezione di Schiele al mondo.

Sotto Adolf Hitler, i nazisti avevano costretto gli artisti ebrei e i collezionisti a vendere o regalare le loro opere, e molti pezzi erano stati confiscati a titolo definitivo. Una legge austriaca introdotta nel 1998 ha ordinato che i suoi musei restituiscano le opere d’arte saccheggiate ai discendenti dei proprietari. Il Leopold Museum, finanziato privatamente e quindi non obbligato a seguire la legge, avrebbe preferito mantenere tutti i cinque disegni. Ma stavolta la decisione in senso opposto.

(video tratto dal canale Youtube di ‘Associated Press’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->