sabato, Aprile 17

Australia: Tesla lancia la batteria più grande del mondo Costruita in 100 giorni, è capace di alimentare più di 30mila case

0

Il fondatore di Tesla, Elon Musk, aveva promesso che nel giro di 100 giorni sarebbe riuscito a mettere insieme la batteria agli ioni di litio più grande del mondo, la cui potenza è pari a 129 megawattora. Peraltro, tale batteria sarebbe dovuta essere in grado di immagazzinare energia pulita, alleviando le difficoltà energetiche dell’Australia Meridionale ed evitando gli innumerevoli blackout. 

Musk ha mantenuto la promessa e la batteria firmata Tesla, grazie al team dell’ azienda e alle autorità statali, è stata installata nel parco eolico di Hornsdale, a Neoen, a circa tre ore di strada da Adelaide. Dopo i diversi test per verificarne il corretto funzionamento e la certificazione del National Energy Market, che l’ha inserita nella propria rete da 40 mila chilometri, che copre tutto il territorio australiano, la batteria di Musk è entrata in funzione: a detta dell’Hornsdale Power Reserve, la batteria occuperebbe meno di 10.000 chilometri quadrati di terreno, avrebbe un’autonomia di 100MW ed una capacità sufficiente per alimentare più di 30.000 case.

Il lancio, reso noto attraverso l’account Twitter dell’ Australian Wind Alliance, è stato accolto con grande entusiasmo dal premier dello Stato australiano, Jay Weatherill, secondo cui: «La più grande batteria al mondo sarà una parte importante del nostro mix energetico. (..) Manda il segnale che l’Australia Meridionale sarà un leader delle rinnovabili».

Tesla si è dichiarata «estremamente orgogliosa di essere parte di questo nuovo capitolo energetico dell’Australia, e speriamo che questo modello venga adottato anche in altre nazioni del mondo».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->