domenica, Settembre 19

Australia: temperatura record, oltre i 47 gradi Non succedeva dal 1939: è stato vietato di accendere i fuochi ed è stato sospeso l' Australian Open Grand Slam

0

Se gli Stati Uniti sono devastati dal ‘ciclone bomba’, l’ Australia è nel pieno di un caldo da record. A Sidney e nel Sud del Paese, dove è estate, le colonnine di mercurio stanno registrando temperature elevate, le più alte dal 1939: 47,3 gradi a Penrith. Una calura eccessiva che ha causato il richiamo dai campi dei partecipanti al torneo di tennis dell’ Australian Open Grand Slam. Inoltre le autorità hanno vietato di accendere i fuochi con l’ obiettivo di prevenire il rischio incendi.

Più di 50 gli incendi boschivi che sono divampati negli Stati di Victoria e South Australia. Nella contea di Sherwood sono state distrutte due abitazioni ed altre quattro strutture e i danni hanno riguardato un’area di 12.000 ettari. Oltre 4.000 le case rimaste prive di elettricità. Vicino Benalla a nord di Victoria, nella giornata di ieri, a causa delle fiamme, alcuni abitanti hanno lasciato immediatamente le proprie abitazioni

Enti di beneficenza hanno aiutato a trasferire i senzatetto in ospedale per i trattamenti sanitari e hanno trasportato gli altri in rifugi per evitare il caldo.  Gli esperti hanno avvertito che la terra e le temperature sono state influenzate dai cambiamenti climatici, portando a condizioni meteorologiche più estreme. Per Sidney, le previsioni segnalano qualche acquazzone nella giornata di oggi.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->