lunedì, Luglio 26

Australia: soldi pubblici a Scientology field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


E’ una notizia importante, soprattutto per un Paese socialmente avanzato come l’Australia. Nuovi dati di My School, l’autorità nazionale scolastica indipendente, rivelano che le scuole collegate a Scientology ricevono più fondi statali di centinaia di scuole pubbliche, nonostante le prime ricevano già centinaia di migliaia di dollari in tasse scolastiche e donazioni private.

La notizia si è rapidamente diffusa a partire dallo scorso martedì, quando un articolo a firma di Eryk Bagshaw, pubblicato sul Sydney Morning Herald, ha mostrato i dati a conferma di quanto riportato. Le scuole di Athena e Yarralinda, ad esempio, ricevono da sole 475.000$ ogni anno, rinnovati con cadenza precisa, nonostante abbiano in totale meno di 60 studenti. Nello specifico, la scuola di Athena riceve fondi da rette scolastiche, donazioni esentasse e fondi pubblici, i quali ammontano a circa 20.000$ all’anno per ogni studente. La scuola di Yarralinda, d’altro canto, riceve ogni anno 11.000$ di soldi pubblici per ogni studente.

Per mettere in prospettiva questi dati, è utile raffrontarli con quanto ricevuto nello stesso anno dalle scuole pubbliche dello stesso Stato. I dati di My School mostrano che queste cifre sono superiori al totale dei fondi elargiti a 800 scuole solo nel New South Wales e nel Victoria, mentre, per fare un paragone con una scuola dello stesso quartiere, si tratta di 2.700$ di finanziamenti pubblici all’anno in più per ciascuno studente iscritto alla Rolling Hills School di Mooroolbark.

Lo Stato del New South Wales ha in parte replicato, per mezzo di un portavoce, riferendo che «I fondi governativi del New South Wales, elargiti per ogni studente di scuola non pubblica, sono considerevolmente più bassi di quelli elargiti a scuole pubbliche». Un’altra dichiarazione proveniente dal Dipartimento Federale dell’Educazione ha riportato che «in media, il totale dei fondi pubblici per studente è di 16.000$ nelle scuole pubbliche e di 9.300$ per scuole non pubbliche». Il Dipartimento si è però rifiutato di commentare lo specifico caso delle scuole collegate a Scientology, dal momento che nella media dei 9.300$ sono comprese anche le miriadi di scuole paritarie e private che ricevono molti meno soldi e che, dunque, abbassano la media della spesa pubblica per scuole non pubbliche. Il documento concludeva specificando che, nell’ambito del sistema federale australiano, «Vigente la Costituzione australiana, il Commonwealth dell’Australia non ha alcun potere specifico in relazione alle scuole statali, così come non ha un ruolo diretto nella registrazione, amministrazione e gestione delle scuole di ogni singolo Stato».

A questo punto è probabilmente utile aprire una parentesi per spiegare cos’è Scientology e come questa si sia sviluppata. Creata nel 1954 dallo scrittore di fantascienza e fantasy L. Ron Hubbard, è un’organizzazione che ha sede principale negli Stati Uniti e che diffonde l’insieme delle credenze e pratiche ideate dallo stesso Hubbard, sviluppatesi da un precedente sistema di auto-aiuto denominato Dianetics.

Secondo quanto riportato dalla sezione italiana «Scientology è una religione del ventesimo secolo. Comprende un vasto insieme di conoscenze derivanti da alcune verità fondamentali, la principale delle quali è questa: l’uomo è un essere spirituale dotato di capacità che vanno ben oltre quelle che egli considera di avere normalmente. Egli non solo è in grado di risolvere i propri problemi, di raggiungere le mete che si è prefisso e di conseguire una felicità duratura, ma può anche raggiungere nuovi stati di consapevolezza mai sognati prima d’ora. […] In Scientology non viene chiesto a nessuno di accettare qualsiasi cosa come credo o per fiducia. Quel che è vero per te è quanto tu stesso hai osservato. L’individuo scopre da sé che Scientology funziona applicandone personalmente i principi e osservandone o sperimentandone i risultati».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->