mercoledì, Aprile 14

Australia, il sequestro di droga più grande della storia Bloccato carico di metanfetamina del valore di 1,26 milioni di dollari australiani (850 milioni di dollari)

0

Maxi sequestro di droga in Australia per un totale di oltre 1,26 milioni di dollari australiani (850 milioni di dollari). Si tratta di metanfetamina occultata in silicone per reggiseni e articoli da disegno e a detta delle forze dell’ordine australiane è il più grande quantitativo di droga mai sequestrato nella storia del Paese. Ad essere arrestate quattro persone originarie di Hong Kong, accusate di produzione e importazione di droga, conosciuta in Australia come ‘ice’ (ghiaccio).

«Con questo sequestro, quest’anno siamo arrivati a togliere 3,6 milioni di dollari di droga dalle nostre strade», ha annunciato Michael Keenan, ministro della giustizia australiano. Solo a dicembre dicembre, le autorità di frontiera avevano trovato 190 litri di metanfetamina liquida all’interno di un container proveniente da Hong Kong. Il ‘ghiaccio’ è una droga molto più forte e i danni sono più devastanti di qualsiasi altra sostanza illecita sul mercato. E i dati sui giovani australiani preoccupano: ben il 7% usa sostanze stupefacenti, con numeri che aumentano.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->