domenica, Maggio 9

Australia: i marchi cinesi stanno diventando di casa field_506ffbaa4a8d4

0

Mentre i prodotti australiani in Cina sono noti per essere ‘puliti e verdi’, un numero crescente di aziende cinesi si sta dirigendo verso i mercati australiani per tentare la fortuna: negli ultimi tempi si stanno facendo spazio molte aziende di elettrodomestici, alimentari e tecnologiche. Inoltre, molti consumatori australiani godono di marchi e prodotti Made in China senza nemmeno sapere che sono stati prodotti in Cina, come ad esempio il brand di elettrodomestici ‘Haier‘, che produce lavatrici, asciugatrici e frigoriferi, o il marchio ‘Lenovo‘, che produce computer portatili che, potenzialmente, ogni australiano potrebbe utilizzare a casa o al lavoro e che non sa da quale Paese sia stato prodotto. Anche la società tecnologica ‘Huawei‘ ha puntato al mercato australiano.

Oggi le aziende tecnologiche cinesi stanno avendo un grande, ma lento, effetto sul mercato australiano, nonostante gli australiani siano molto fedeli ai marchi che conoscono e utilizzano: ad esempio, il mercato australiano è stato saturo di marketing e pubblicità per marchi come Apple e Samsung, che ha reso difficile la competizione per i marchi cinesi. Ma non è tutto. Un’altra sfida che i marchi cinesi devono superare è il loro nome: le persone guardano i nomi delle società cinesi e si domandano subito come potrebbe essere la loro pronuncia, scoraggiandoli senza nemmeno conoscere le qualità dei prodotti. Ecco perché è necessario che le aziende interessate a questo mercato coltivino una solida base di utenti per far si che il loro nomi diventino familiari.

Non solo le aziende dell’elettrodomestica stanno facendo breccia nel mercato australiano, ma anche i generi alimentari Made in China si sono imposti sugli scaffali dei supermercati australiani. Infatti, nei superstore di due grandi catene di supermercati in Australia, la ‘Woolworths‘ e la ‘Coles‘, è presente almeno un corridoio dedicato ai generi alimentari asiatici. I prodotti provenienti dalla Cina e più popolari tra gli acquirenti includono la gamma della ‘Pearl River Bridge‘ per le salse di soia e la Hot Chilli Oil della ‘Lao Gan Ma‘.

 

 

 

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di New China TV)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->