domenica, Ottobre 24

Australia: cittadinanza e terrorismo Il pericolo resta alto, il Governo vorrebbe spingersi ancora più in là di quanto fatto con l'ultima legge

0
1 2


Sydney – In Australia prosegue il dibattito riguardo l’attrattiva che lo Stato Islamico (IS) esercita nel Paese, causa del primo attentato terroristico di matrice islamica della storia australiana, di numerosi tentativi di emularlo e, oramai da più di un anno, alla base di un costante flusso di giovani e di adolescenti che tentano di lasciare l’Australia per raggiungere le postazioni dell’IS in Iraq e Siria.
Il Governo conservatore di coalizione, guidato dal Premier Tony Abbott, è corso ai ripari da tempo, con un rafforzamento dei poteri della Polizia e con maggiore libertà ai servizi segreti australiani, al fine di prevenire e, in caso, bloccare tempestivamente nuovi potenziali atti di terrorismo. Un’ulteriore misura, presentata alla fine del maggio scorso, è quella che dà al Ministro dell’Immigrazione, Peter Dutton, il potere di cancellare la cittadinanza australiana a quei combattenti che ne posseggano almeno unaltra, su consiglio dell’intelligence australiana.
Altre misure sul tavolo, ancora più controverse, sono un aumento delle pene per coloro che vanno a combattere insieme all’IS o ad altre organizzazioni ad esso affiliate, l’esilio perenne dall’Australia per coloro che sono coinvolti in questo tipo di attività, la rimozione di alcuni diritti fondamentali di chi è cittadino della nazione, quali il diritto di voto o di assistenza all’estero e, probabilmente, la proposta più dibattuta fra tutte, ovvero quella di cancellare la cittadinanza per quelle persone che avrebbero la concreta possibilità di ottenere la cittadinanza di un altro Paese ad alto rischio sotto il profilo terroristico.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->