domenica, Aprile 11

Atzione pro torrare a vida su bilinguismu perfetu

0

10535669_821694771203290_4071484044100046511_o 

Sa Giunta Pigliaru cumposta dae sos partidos coloniales e dae sos bàculos issoro “soberanistas”, finas a como at fatu cumprèndere de èssere contrària a sa normalizatzione de sa limba sarda serrende cale si siat carrera chi nos potzat giùghere a su bilinguismu perfetu. 
Tantu pro comintzare sunt istados bogados dae su Bilantzu regionale tres miliones de Euros pro sa limba Sarda, ponende in dificultade tota sa politica linguìstica fata in custos ùltimos deghe annos e, cun s’iscuja chi non b’at dinari si segat subra sa limba e non in àteras boghes de ispesas.
E difatis pro ocannu non b’at a èssere politica linguìstica in sos medios, nudda sardu in sas iscolas, nudda a sa tradutzione in sardu de sos classicos de sa literadura, Bidu finas: sas pagas rigas e pagu craras dedicadas a sa Limba Nostra intre su Programma Regionale de Isvilupu 2014 – 2019, aprovadu su 21 de Santugaine coladu, peruna paràula pro sa Limba sarda est istada inserida in s’agiornamentu de su VAS, Valutazione Ambientale Strategica, in s’ambitu de sa programmatzione pro su setennadu 2014 –2020, cun su cale benint predispostos sos progetos pro sos finantziamentos Europeos comente sos POR ectz. ectz. E, nudda s’ischit de su Pranu triennale nou pro Sa Limba Sarda iscadidu in finitia de su 2013 , atu in ue si bidet in cuncretu sas atividades chi sa Regione pro mesu de su Servìtziu Limba e Cultura Sarda devet pònnere in èssere.
Totu custu sena pessare e cumprèndere chi unas de sas causas prus importantes de sa crisi de sa Sardigna Nostra e de nois Sardos (ammentamus chi sa Sardigna est de sas primas regiones de Italia colonialista cun sa prus alta isperdidura iscolàstica de dischentes o istudiantes) est su de nos àere irraighinadu dae sa Limba nostra, chi est sa fundamenta de s’identidade culturale de su populu.
S’assessora Firinu finas a como non at craridu cale est sa positzione sua in mèritu a sa normalizatzione de sa Limba Sarda mentres at fatu ischire in cara a totus chi non nde cumprendet nudda e chi s’at a pònnere a istudiare. Nos preguntamus duncas, comente un’Assessora a sa cultura potzat fàghere tzertas afirmatziones.
Un’Assessore/a non benit numenadu pro istudiare ma pro ghiare e fàghere sas leges ogetu de cumpetèntzia sua in s’interessu de su populu
Mancari in sas primas dies de Santugaine apet fatu ischire chi mancaiant pagas dies a sa nomina de su Diretore de su Servìtziu Limba e Cultura Sarda, custu postu est ancora bòidu
Paris a sa Limba Sarda sa Giunta Pigliaru est furriende in s’ammodigadòrgiu su traballu e sa professionalidade de una chentina e prus de operadores limguìsticos.

Pro totu custos motivos su Fronte Indipendentista Unidu at detzisu, imperistantu, de mòvere un’atzione pro torrare a vida su bilinguismu perfetu, a incomintzare dae unu fatu chi totu sos Sardos podent bìdere in cuncretu: sa Toponomàstica
Su Sardu pro torrare a èssere limba cun sa matessi dinnidade de s’Italianu, devet, difatis, torrare a èssere a sa vista de totus, reconnoschìbile e ufitziale.
Su Sardu devet torrare in sas carreras, in sas pratzas e, a paris dinnidade in sas iscolas, in sos mèdios, in sos ispidales, in sos ufìtzios pubblicos. 
No amus tempus de isetare sas manfrinas de sos politicos colonialistas, imperistantis amus detzisu de comintzare a torrare a batijare sas pratzas e sas carreras, chi a s’ispissa tenent sos nùmenes de sos odiados colonizadores de sos Savòjas comente Cavour, Carlo Felice, Bogino e Conte di Moriana. 
Su Bilinguismu passat puru intre su recùperu de sa memòria istòrica e intre sa valorizatzione de sas isperièntzias positivas comente cussas de sos perìodos giudicales, antifeudales e repubblicana de sos motos angioyanos.
Ma finamentra in su recuperu de nùmenes istòricos e antigòrios chi teniant in antis sas carreras e sas pratzas, chi pro sèculos ant caraterizadu sa vida fitiana de sas Tzitades e de sas Biddas Nostras a su postu de semper sos matessi nùmenes de tzitades e de pessonàgios italianos. 
Sa polìtica linguìstica est pro su Fronte Indipendentista Unidu unas de sas suas prioridades e at a partetzipare a totu sas mobilitatziones chi ant a tènnere comente riferimentu sos puntos chi sighint: 1) normalizatzione de su sardu; 2) lòmpere a su bilinguismu perfetu
Su Fronte Indipendentista Unidu at a fàghere sighire a custa, àteras initziativas cuncretas pro appretare s’opinione pubblica sarda subra su tema fundamentale de sa politica linguìstica. 
Su Fronte Indipendentista Unidu at a sighire a fraigare cun sos àteros cumponentes de sos movimentos natzionales s’ùnica e sèria alternativa digna e giusta pro sa Terra Nostra contra a cussa ispartzidora, impoberidora e ammiseradora de su sistema coloniale italianu.

10373666_877189405653826_7669138092342521456_n 10629882_877189448987155_6727516580108858684_n

 

9456_877189688987131_4038678640275998628_n 10730114_877189608987139_2020379539881680767_n 10334368_877189648987135_2288540659910421009_n

 

Italiano

La Giunta Piagliaru composta dai partiti coloniali e dalle loro stampelle “sovraniste” si è dimostrata decisamente la più avversa alla normalizzazione della lingua sarda e ha di fatto sbarrato la strada verso il bilinguismo perfetto. Tanto per cominciare sono stati eliminati tre milioni di euro dal bilancio regionale mettendo in difficoltà tutta la politica linguistica di questi ultimi dieci anni con la scusa come sempre della mancanza di fondi, ma ovviamente si taglia sulla lingua e non su altre voci. Quindi per quest’anno niente politica linguistica nei media, niente sardo nelle scuole, niente traduzione di classici letterari in sardo. Viste inoltre: le poche righe e poco chiare dedicate alla Nostra Lingua nel Programma Regionale di Sviluppo 2014 – 2019, approvato il il 21 Ottobre scorso; il mancato inserimento di alcuna parola per la lingua sarda nell’aggiornamento del VAS, Valutazione Ambientale strategica, nell’ambito della programmazione per il settennale 2014 – 2020, con il quale vengono predisposti i progetti per i finanziamenti Europei come i POR etc. etc… Il mancato rinnovo del Piano Triennale per la Lingua Sarda (2014 – 2016), il precedente è scaduto alla fine del 2013, atto con il quale la Regione tramite il Servizio Lingua e Cultura Sarda attua in concreto la politica linguistica. Tutto ciò senza pensare e capire che una delle cause più importanti della crisi della Nostra Sardegna e di noi Sardi (ricordiamo che la Sardegna è tra le regioni dell’Italia colonialista con la più alta percentuale di dispersione scolastica) è l’averci sradicato dalla Nostra Lingua, che è il fondamento dell’identità culturale del popolo. L’assessore Firinu non ha fino ad oggi chiarito la sua posizione in merito alla normalizzazione della lingua sarda e ha anzi dichiarato pubblicamente di essere ignorante in materia e di dover studiare.  Ci chiediamo come possa un assessore alla cultura in Sardegna fare tali affermazioni. Non si diventa assessori per studiare, ma per fare le leggi nell’interesse del popolo. E, nonostante nei primi giorni di ottobre avesse dichiarato che di li a pochi giorni sarebbe stato nominato il Direttore del Servizio Lingua Sarda, quel posto è ancora vacante. Insieme alla lingua sarda la Giunta Pigliaru sta buttando al macero anche la professionalità e il lavoro di più di un centinaio di operatori linguistici. Il Fronte Indipendentista Unidu ha pertanto deciso di compiere una azione per stimolare la ripresa del bilinguismo perfetto, a partire da un fatto visibile a tutti i cittadini sardi: la toponomastica. Il sardo, per tornare ad essere una lingua a pari dignità dell’italiano, deve infatti essere visibile da tutti, riconoscibile e ufficiale. Il sardo deve tornare nelle strade, nelle piazze, deve essere introdotto a pari dignità nelle scuole, nelle università, nei media, negli ospedali, negli uffici pubblici. Non abbiamo tempo di aspettare le manfrine dei colonialisti, pertanto abbiamo deciso di incominciare a ribattezzare con i loro antichi nomi in sardo i nomi delle nostre piazze e delle nostre vie, spesso intitolati ad odiosi colonizzatori Savoia come nel caso di Carlo Felice, Bogino e Conte di Moriana. Il bilinguismo passa anche attraverso il recupero della nostra memoria storica e la valorizzazione delle esperienze positive come quella giudicale e quella antifeudale e repubblicana dei moti angioyani. Ma, anche attraverso il recupero dei nomi storici delle nostre vie e piazze che per secoli hanno caratterizzato la vita quotidiana delle nostre città e che ora portano noiosi e ripetitivi nomi di città e personaggi politici italiani. Il Fronte Indipendentista Unidu fa della politica linguistica una delle sue priorità e parteciperà a tutte le mobilitazioni che tengano fermi i seguenti punti: 1) normalizzazione del sardo; 2) obiettivo del bilinguismo perfetto. Il Fronte Indipendentista Unidu farà seguire a questa altre iniziative concrete per stimolare l’opinione pubblica sarda sul tema fondamentale della politica linguistica. Il Fronte Indipendentista Unidu continuerà a costruire con le altre componenti del movimento di liberazione nazionale l’unica e seria alternativa degna e giusta per questa Nostra Terra contro quella separatrice, impoveritrice e avvilente del sistema coloniale italiano. 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->