lunedì, Agosto 2

Attenzione per chi va in USA: il gioco d’azzardo online vietato In base alla nuova interpretazione del Wire Act del 1961 tutti i giochi d’azzardo online non sono legali

0

In un periodo di grossi cambiamenti con la legalizzazione delle scommesse sportive, negli USA arriva una doccia fredda:  il gioco d’azzardo online è vietato. In tutte le sue forme. Lo ha espresso in un parere legale il Dipartimento di Giustizia. Con questo in pratica si ribalta l’opinione diffusa sin dall’era Obama, per cui solo il gioco d’azzardo online sportivo fosse vietato. Non solo le scommesse sportive rientrerebbero in questo divieto, ma il gioco a 360 gradi.

Questa opinione potrebbe avere un grosso peso in Stati come il Nevada, il Delaware e il New Jersey, in cui si pratica legalmente il gioco d’azzardo online. Potrebbe avere un impatto anche sugli Stati che stanno effettuando cambiamenti, in seguito alla regolamentazione delle scommesse sportive.

Ovviamente questo parere sarà utilizzato nei tribunali di tutto il Paese, e si allinea a una posizione consolidata negli USA. Quella per cui la legge federale dello Stato proibisce ogni forma di gioco d’azzardo a distanza. Gli americani dunque non potranno mai divertirsi sui siti dei casinò legali in America?

Si potrebbe erroneamente pensare che questo cambiamento sia dovuto a una nuova legge. Ma in realtà non siamo di fronte un nuovo provvedimento, anzi. Quella che regola questo settore è il Wire Act del 1961Ciò che cambia è la sua interpretazione, che inverte quella prevalsa fino ad ora. In base alla nuova interpretazione del Wire Act, infatti, tutti i giochi d’azzardo online non sono legali. Quel divieto già imposto sulle scommesse sportive, dunque si allarga a tutti i giochi di casinò, e al gioco d’azzardo in generale.

Questa nuova linea di pensiero avrà molti effetti sul settore.  Saranno colpite soprattutto le aziende che gestiscono le lotterie interstatali. Mentre a quanto pare non avrà effetti sulle giocate che avvengono all’interno di un singolo Stato. Vi saranno limiti ad esempio nei nuovi Stati che hanno ottenuto la concessione per il gioco d’azzardo. Ad esempio non si potranno effettuare tornei di poker tra giocatori del Nevada e quelli del New Jersey.

Il panorama del gioco d’azzardo online negli Usa è ancora tutto da definire. Con una situazione generale di proibizionismo, in cui si innestano casi speciali come quello di Las Vegas o di Atlantic city.

Molto diversa la situazione del gioco d’azzardo online. Sebbene vi siano differenze rilevanti tra Stato e Stato, l’UE ha diffuso delle linee guida per la regolamentazione del gioco d’azzardo dal vivo e online. L’Italia con la sua regolamentazione è uno degli Stati che ha adottato quasi completamente le indicazioni europee. Vanta infatti una legislazione del gioco d’azzardo molto avanzata, e spesso presa ad esempio.

Tra i cardini che regolano il gioco d’azzardo online nel nostro Paese, vi sono il divieto assoluto di gioco ai minorenni, la sicurezza dei giochi, la protezione dei dati. Tutti elementi che sono dati per scontati, ma che non ovunque sono applicati.

Lo Stato italiano promuove il gioco come divertimento. Si gioca alle scommesse, ai classici del casino e alle slot online AAMS. Attraverso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli si assicura che tutti i siti di gioco d’azzardo online rispettino le regole. Severi controlli sono attuati contro il gioco d’azzardo illegale, e a favore della protezione dei giocatori. Tutti i siti di gioco d’azzardo online illegale vengono oscurati. Inoltre i siti legali di casinò devono mettere a disposizione dei giocatori, una serie di strumenti per giocare in modo consapevole. Per finire in Italia, è in funzione il registro unico delle esclusioni. Uno strumento per far sì che i giocatori possano, di propria iniziativa, limitare il loro accesso al gioco su tutti i siti di casino online AAMS.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->