venerdì, Settembre 24

Attentati a Parigi secondo Marine Le Pen (FN) La dichiarazione pubblica di Marine Le Pen di Fronte Nazionale

0

Attentati a Parigi: Marine Le Pen (FN-Fronte Nazionale) è intervenuta dopo l’incontro con il Presidente francese, François Hollande. Per Le Pen, le proposte avanzate dopo i fatti di Charlie Hebdo dal Fronte Nazionale che i Repubblicani sono rimaste inascoltate dal Presidente Hollande, che per tutta la giornata di domenica ha ricevuto all’Eliseo i leader di ogni movimento politico francese. In particolare sono stati ricevuti 24 parlamentari appartenenti ai rispettivi gruppi politici, inclusi Ministri, e funzionari della commissione Esteri. Il presidente dell’Assemblea Nazionale, Claude Bartolone, ha dichiarato alla rivista Le Monde di aver presentato sul tavolo del vertice istituzionale la relazione sul jihadismo realizzata a fine giugno dai parlamentari Patrick Mennucci (PS) ed Eric Ciotti (I  Repubblicani). Il capo dello Stato potrebbe prendere in considerazione alcune delle misure incluse in questa relazione. Il primo ministro Manuel Valls ha assicurato, che il governo presterà molta attenzione a tutte le proposte ritenute efficaci e presentate dalle opposizioni politiche. I Repubblicani hanno sottolineato, però, che nessuna delle loro proposte, dopo gli attentati nel mese di gennaio alla rivista satirica, sono state prese in considerazione. Gérard Larcher aveva formulato diverse soluzioni spiegate in un rapporto dove si richiamava, per esempio, la revisione delle politiche in materia di immigrazione. In seguito all’incontro con François Hollande, Marine Le Pen ha ribadito lo stesso fatto. Nessuna delle azioni proposte dal Fronte Nazionale sono state considerate. Azioni relative ad un controllo ‘perenne’ delle frontiere, e non temporaneo come quello stabilito dopo gli attacchi di Parigi, mediante l’istituzione di coprifuoco e Stato di Emergenza. Marine Le Pen teme, che nonostante tutto, non è riuscita a convincere il Presidente sulla necessità assoluta di individuare chi gli alleati e gli avversari della Francia a livello internazionale.

(tratto dal canale ‘Youtube‘ di ‘France24‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->