lunedì, Giugno 21

Attacco simulato dei caccia russi contro nave USA

0

Ancora tensioni diplomatiche e militari nel mar Baltico: il comando delle forze aeree USA in Europa ha denunciato il volo ‘aggressivo’ di due caccia russi Su-24 che hanno sorvolato il cacciatorpediniere USA ‘Donald Cook’ in modo ‘non sicuro e non professionale’. La provocazione è avvenuta nel corso di una esercitazione Nato con la Polonia, mentre la nave da guerra si trovava a circa 70 miglia nautiche (130 km) dall’enclave russa di Kaliningrad.

Secondo il Pentagono, le manovre avevano un ‘profilo di attacco simulato’, poiché i due caccia hanno sorvolato (come testimonia anche il video) 20 volte la nave a meno di 900 metri di distanza e ad una altitudine di circa 30 metri. Di conseguenza, l’esercitazione della Nato è stata sospesa fino a quando i due caccia Su-24 non hanno terminato il volo. L’esercito americano ha descritto l’accaduto come una delle interazioni più aggressive nella memoria recente.

Il rappresentante del ministero russo della Difesa, il generale Igor Konashenkov, ha dichiarato «i piloti della forza aerea russa hanno preso parte ad un’esercitazione nelle acque internazionali del Mar Baltico. La traiettoria era in prossimità della USS Donald Cook, in quel momento a 70 km circa da una base navale russa». Ha poi aggiunto «Tutti i voli di aerei delle forze aerospaziali russe sono condotte in stretta conformità con gli standard internazionali sull’uso dello spazio aereo sopra le acque neutrali». Concludendo poi «Francamente, non capisco il motivo di questa reazione eccessiva dei nostri partner americani».

 

(video tratto dal canale YouTube di AFP News Agency)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->