mercoledì, Maggio 25

Attacco nucleare: Putin e Biden gemelli per niente diversi La politica di attacco nucleare di Biden è la stessa della Russia. Contrariamente a quanto promesso in campagna elettorale, Biden prevede, come Putin, anche la possibilità del 'primo utilizzo', e questo mina la capacità di Biden di costruire un'opposizione internazionale a ciò che Putin sta facendo

0

Durante la sua campagna presidenziale, Joe Biden ha scritto un articolo su ‘Foreign Affairs‘ intitolato ‘Why America Must Lead Again‘. In esso, ha esposto i suoi pensieri sulle armi più pericolose nelle scorte degli Stati Uniti. «Credo che l’unico scopo dell’arsenale nucleare statunitense dovrebbe essere quello di scoraggiare -e, se necessario, vendicarsi contro- un attacco nucleare», scrisse l’allora candidato. «In qualità di presidente, lavorerò per mettere in pratica questa convinzione, in consultazione con l’esercito e gli alleati statunitensi».

La dichiarazione ha dato ai sostenitori del controllo degli armamenti la speranza che il Presidente avrebbe adottato una politica di non primo utilizzo, il che significa che gli Stati Uniti si sarebbero impegnati a non iniziare mai un conflitto nucleare. La politica attuale consente al presidente di colpire per primo in circostanze estreme, come in risposta a un devastante attacco chimico, che può abbassare la soglia per lo scoppio di una guerra nucleare. Ma ora, in un momento in cui il mondo è più vicino che mai a uno scambio nucleare, grazie alla devastante guerra del Presidente russo Vladimir Putin contro l’Ucraina, Biden è tornato sulla sua parola.

Il 29 marzo, la Casa Bianca ha pubblicato un breve riassunto dell’imminente strategia di Biden sulle forze nucleari indicando la sua decisione: «Gli Stati Uniti prenderebbero in considerazione l’uso di armi nucleari solo in circostanze estreme per difendere gli interessi vitali degli Stati Uniti o dei suoi alleati e partner».

Questo rende effettivamente la posizione degli Stati Uniti sul nucleare indistinguibile da quella della Russia. Secondo la sua dottrina militare, la Russia potrebbe usare un’arma nucleare se si trova di fronte a una minaccia ‘esistenziale’, un fatto che Putin ha ricordato agli osservatori di tutto il mondo nelle ultime settimane mentre prende a pugni l’Ucraina.

La decisione di Biden di mantenere la politica statunitense sulla linea di quella russa equivale a un’occasione persa per costruire una coalizione internazionale contro il conflitto nucleare, affermano i sostenitori del disarmo.
Il senatore Ed Markey (D-Mass), co-Presidente del gruppo di lavoro sul controllo delle armi nucleari e degli armamenti, è sceso in aula il 31 marzo per incriminare la politica: «Purtroppo, la nostra democrazia americana e l’autocrazia russa condividono una cosa importante in comune:entrambi i sistemi conferiscono ai Presidenti degli Stati Uniti e della Russia i poteri divini noti come l’unica autorità di porre fine alla vita sul pianeta come lo conosciamo ordinando un primo attacco nucleare».

Secondo il ‘Wall Street Journal‘, che per primo ha riportato la decisione di Biden di mantenere l’autorità di primo attacco, il Presidente ha subito pressioni da parte degli alleati per rinnegare la sua promessa elettorale. Ha incontrato i partner europei alla fine del mese scorso tra l’apparente preoccupazione che la Russia possa usare un’arma nucleare o chimica come parte della sua guerra contro l’Ucraina. (La ‘NBC‘ ha riferito che tre funzionari statunitensi hanno ammesso che non ci sono prove che la Russia abbia portato armi chimiche vicino all’Ucraina)

Tom Collina, direttore delle politiche presso il gruppo di controllo degli armamenti nucleari Ploughshares Fund, ha affermato che il ritiro dell’autorità di attacco avrebbe potuto giovare agli sforzi internazionali contro la Russia. «Putin sta minacciando il primo utilizzo di armi nucleari per tenere in ostaggio l’Ucraina e tenere fuori gli Stati Uniti e la NATO», ha scritto su ‘The Intercept‘. «Questo è un ricatto nucleare, ed è un pericoloso precedente a cui dobbiamo opporci. È quindi profondamente deludente che l’Amministrazione Biden abbia appena perso un’opportunità chiave per rifiutare il primo utilizzo. Invece, la politica di Biden consente anche il primo utilizzo ed è essenzialmente la stessa di quella russa, e questo mina la capacità di Biden di costruire un’opposizione internazionale a ciò che Putin sta facendo».

Questo potrebbe essere il caso dei legislatori di almeno un alleato. Il 1° aprile, dozzine di membri del Progressive Caucus of Japan, una coalizione di minoranza a sinistra del Partito conservatore liberaldemocratico guidato dal primo ministro giapponese Fumio Kishida, si sono uniti ai legislatori americani nel Congressional Progressive Caucus, per chiedere a Biden di impegnarsi in un politica di non primo utilizzo. «Una dichiarazione degli Stati Uniti che affermi che non inizierebbe mai una guerra nucleare, sostenuta dal Giappone, darebbe nuova vita agli sforzi internazionali per ridurre e infine eliminare il pericolo di una guerra nucleare», recita la lettera, promossa dalla presidente del PCC Pramila Jayapal, D-Wash. I legislatori hanno citato l’importanza di tale politica poiché le tensioni tra Stati Uniti e Cina, anch’essa una potenza nucleare, continuano a peggiorare. (La Cina possiede significativamente meno armi nucleari rispetto agli Stati Uniti o alla Russia, ma il Dipartimento della Difesa afferma che si sta sviluppando)

Altri democratici sono rimasti in silenzio o hanno indicato un tacito sostegno allo status quo.
I repubblicani hanno approfittato di un’audizione della commissione per i servizi armati del Senato con il capo del comando strategico statunitense, l’ammiraglio Charles Richard, il mese scorso, per difendere la logica dell’autorità del primo attacco. Quando Richard ha affermato che le modifiche alla politica dichiarativa avrebbero danneggiato le relazioni con gli alleati, il presidente della giuria, il senatore Jack Reed, DRI, non ha messo in dubbio l’argomento e nessun altro democratico ha affrontato l’argomento.

Nonostante i pericoli rappresentati dalle armi nucleari, i Democratici stanno permettendo alla loro paura di apparire deboli, in mezzo alla guerra della Russia contro l’Ucraina, impedendo a riforme significative che potrebbero rendere il mondo più sicuro di trionfare. «Sono certamente favorevole a chiarire che gli Stati Uniti non saranno i primi a usare armi nucleari», ha detto a ‘The Intercept‘ il senatore Chris Murphy, D-Conn. «Dovrei pensare un po’ di più se questo è il momento giusto o quale sarebbe il meccanismo per fare quella politica».
Ha minimizzato l’idea, tuttavia, che la politica di attacco degli Stati Uniti sia indistinguibile da quella della Russia: «La politica della Russia è tutto ciò che c’è nella testa di Vladimir Putin in questo momento».

Pur mantenendo l’autorità di primo attacco, la politica nucleare di Biden dovrebbe annullare alcuni programmi di armi nucleari avviati sotto l’Amministrazione Trump. Secondo il ‘Wall Street Journal‘, sta pianificando di sbarazzarsi della bomba a gravità B83, la più grande riserva nucleare degli Stati Uniti, che era sulla buona strada per il ritiro fino a quando la precedente Casa Bianca non ha deciso di tenerla in giro. Biden ha anche in programma di sbarazzarsi di un missile da crociera lanciato dal mare dotato di armi nucleari per il quale l’Amministrazione Trump aveva dato il via libera.
Biden, tuttavia, secondo quanto riferito, ha deciso di attenersi al piano dell’Amministrazione Trump di schierare la testata W76-2a basso rendimentosui sottomarini nucleari. Questa classe di armi ha una potenza esplosiva inferiore rispetto alle armi nucleari più distruttive, come i missili balistici intercontinentali, abbassando potenzialmente la soglia per la guerra nucleare.
La Russia notoriamente ha più armi nucleari a basso rendimento rispetto agli Stati Uniti, il che ha sollevato preoccupazioni sul loro potenziale utilizzo nella guerra contro l’Ucraina, soprattutto se Putin crede di non avere altro modo per sconfiggere la resistenza. Murphy ha chiesto agli Stati Uniti di agire per prevenire la loro proliferazione in tutto il mondo.
«Penso che sia giunto il momento per noi di condurre una conversazione globale sulla proliferazione di queste armi nucleari tattiche più piccole, perché alla fine consentiranno a un pazzo di giustificarne l’uso e credendo che alla fine potranno farla franca», ha detto.

Nel frattempo, Biden ha rinunciato alla sua principale possibilità di radunare alleati intorno alla spinta per una politica di non primo utilizzo. «Se i resoconti dei media sono veritieri, il Presidente Biden ha perso un’opportunità storica per ridurre il ruolo delle armi nucleari esistenziali nella strategia militare statunitense», ha affermato Markey in una dichiarazione dopo il rapporto del ‘Wall Street Journal‘. «Mantenere un ruolo di combattimento per le armi nucleari statunitensi è un trionfo per l’industria della difesa da trilioni di dollari, ma è una tragedia per tutti coloro che contano sul Presidente per mantenere la sua promessa elettorale di fare della deterrenza l’unico scopo delle armi nucleari».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Sara Sirota, giornalista politica di 'The Intercept'. In precedenza era una giornalista di 'Air Force a Inside Defense'. Ha conseguito un master in studi sulla sicurezza presso la Georgetown University e una laurea in scienze politiche presso la Colgate University.

End Comment -->