sabato, Settembre 18

Attacchi in Yemen: che novità?

0

Si tratta di uno sviluppo terrificante. La grande fessura religiosa tra sunniti e sciiti che domina il Medio Oriente è scoppiata in aperto conflitto nello Yemen, paese più povero della regione, minacciando di inghiottire l’intera area in una guerra più ampia.

In una drammatica escalation della posta in gioco, una coalizione di stati arabi sunniti guidati da Arabia Saudita ha lanciato attacchi aerei contro l’Iran appoggiati ribelli sciiti Houthi che hanno spazzato sud attraverso il paese. Come lo Yemen virò verso la disintegrazione politica, esplose il conflitto in una crisi tutta la regione che potrebbe avere conseguenze internazionali di vasta portata e imprevedibili. L’Arabia Saudita ha lanciato attacchi aerei contro l’Iran appoggiati ribelli sciiti Houthi, le persone si riuniscono nella foto sul sito di una esplosione vicino all’areoporto di Sana’a. Greggio di qualità Brent è aumentato del 6%, per esempio, dal momento che molte delle spedizioni di petrolio del mondo passano attraverso o oltre lo stretto di Bab el-Mandeb, che collega il Mar Rosso con il Golfo di Aden. Tuttavia la preoccupazione di gran lunga più pressante è se stiamo assistendo ad una guerra per procura nello Yemen tra il suo vicino di casa l’Arabia Saudita, il potere sunnita leader, e l’Iran, il potere sciita leader, esplodere in un conflitto regionale che ci potrebbe spazzare nella sua scia .

Esistono aerei da guerra sauditi mirati sulle posizioni Houthi nella capitale Sana’a uccidendo 18 civili e ferendone molti altri.La Gran Bretagna e l’America hanno sostenuto l’intervento militare saudita guidato nello Yemen come coalizione schierato 100 aerei da combattimento e ammassato 150.000 soldati a combattere nella regione. Altri nove stati sunniti uniti l’offensiva, tra cui gli Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Qatar, impegnandosi a trasmettere aerei di obiettivi di bomba, con Egitto navi che implementano.

Anticipando il peggioramento della situazione, i soldati d’elite britannici – in Yemen per addestrare le truppe governative per combattere Al Qaeda, che ha stabilito il suo ramo più pericolosa del paese – ha tirato fuori questa notizia .

(tratto dalla sezione News di Mail Online)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->