domenica, Settembre 19

AstraZeneca – Johnson&Johnson: trombosi, colpa dell’adenovirus? Se un vaccino adenovirale è collegato a un effetto particolare nel nostro corpo, ad esempio coaguli di sangue, non significa che tutti i vaccini di questa famiglia avranno lo stesso effetto

0

Questa settimana, le autorità sanitarie statunitensi hanno raccomandato di sospendere il lancio del vaccino monodose anti-Covid-19 Johnson & Johnson / Janssen  mentre si svolgono indagini su coaguli di sangue eccezionalmente rari.

Sei donne hanno sofferto di coaguli di sangue su quasi sette milioni di dosi somministrate. Come afferma , il vaccino J&J utilizza una tecnologia vaccinale sostanzialmente simile a quella del vaccino AstraZeneca, noto come adenovirus vettori adenovirali, che ha portato alcuni esperti a ipotizzare che potrebbe esserci un collegamento tra questa piattaforma vaccinale e la condizione di coagulazione del sangue molto rara nota come ‘trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino’ (VITT).

Finora, un collegamento tra la tecnologia dell’adenovirus in generale e i coaguli di sangue è puramente speculazione – non ci sono ancora prove – ma vale la pena che le autorità sanitarie valutino i dati e che i ricercatori cerchino di capire.

«Gli adenovirus sono una grande famiglia di virus presenti nell’uomo e in altri animali. Negli esseri umani, alcuni di questi virus possono causare il comune raffreddoreGli scienziati possono anche utilizzare questi virus per produrre vaccini, utilizzandoli per creare quello che viene chiamato un ‘vettore virale’. Un vettore è un guscio di virus che i ricercatori possono utilizzare per impacchettare e fornire un bersaglio da un altro virusPer creare un vettore adenovirale, gli scienziati prendono un adenovirus e rimuovono qualsiasi materiale genetico che potrebbe consentire al virus di replicarsi e diffondersi o causare malattie. I ricercatori quindi prendono il guscio dell’adenovirus e inseriscono le istruzioni genetiche su come creare un bersaglio sulla superficie di un altro virus. Per COVID-19, usano le istruzioni per creare la ‘proteina spike’ sulla superficie del virus SARS-CoV-2» afferma Quinn.

Per il sistema immunitario, un vettore adenovirale sembra un virus serio, anche se non può replicarsi o causare malattie. Di conseguenza, il sistema immunitario monta una risposta seria, motivo per cui le persone hanno segnalato effetti collaterali più evidenti come febbre, affaticamento e dolore al braccio nei due giorni successivi al vaccino.

Attualmente, conferma Quinn, quattro vaccini COVID-19 utilizzano vettori adenovirali: AstraZeneca, Janssen / Johnson & Johnson, CanSino Biologicals e Sputnik V.

Esistono molti adenovirus da utilizzare come punto di partenza per creare diversi vettori adenovirali. Sebbene questi vettori possano condividere alcune caratteristiche, possono anche essere biologicamente piuttosto diversi.

Diversi adenovirus utilizzano diversi punti di accesso, noti come recettori, per entrare nelle nostre cellule. Ciò, secondo Quinn, può comportare una dimensione e un tipo molto diversi di risposta immunitaria. Inoltre, l’adenovirus utilizzato nei vaccini Sputnik V e CanSino, chiamato ‘rAd5’, non è molto bravo a far scattare gli allarmi nel nostro sistema immunitario, mentre altri vettori adenovirali sono migliori.

I diversi vaccini forniscono anche set di istruzioni leggermente diversi per la proteina spike. Il vaccino J&J, chiamato ‘rAd26’, istruisce le nostre cellule a produrre una proteina spike che è bloccata in una forma specifica, per aiutare il nostro sistema immunitario a riconoscerla e viene rilasciata sulla superficie della cellula. Il vaccino AstraZeneca, chiamato ‘chAdOx01’, istruisce la cellula a produrre una proteina spike che non è bloccata in posizione e può essere secreta dalla cellula.

Date queste differenze, dice Quinn, se un vaccino adenovirale è collegato a un effetto particolare nel nostro corpo, ad esempio coaguli di sangue, non significa che tutti i vaccini di questa famiglia avranno lo stesso effetto. Ma i regolatori dovrebbero ancora indagare.

Dobbiamo capire di più su questi coaguli di sangue. Numerosi organismi di regolamentazione hanno notificato un collegamento plausibile tra il vaccino AstraZeneca e VITT.

Questo rischio è molto, molto basso, sottolinea Quinn: circa una persona su 200.000 che riceve il vaccino potrebbe sviluppare la condizione. Ma per la rara persona che sviluppa VITT, le conseguenze possono essere gravi, con circa un quarto di quelli con la condizione che muore a causa di essa. Quindi i regolatori stanno prendendo sul serio la situazione.

VITT non è come le altre condizioni di coagulazione. Esistono molti tipi diversi di condizioni di coagulazione, ma sembra che la VITT sia probabilmente causata da una risposta immunitaria insolita.

Non sappiamo esattamente cosa inneschi questa risposta immunitaria. Sono state segnalate condizioni di coagulazione con infezioni da adenovirus o dosi molto elevate di vettori adenovirali. Tuttavia, ciò è avvenuto molto rapidamente, mentre VITT è una risposta ritardata, osservata 4-20 giorni dopo la vaccinazione. Sembra più probabile in questa fase che, in alcuni pazienti molto rari, possa essere innescato un qualche tipo di risposta immunitaria insolita.

Mentre i ricercatori cercano di capire VITT, molti regolatori stanno adottando un approccio cauto – consigliando le loro comunità, fornendo linee guida per i vaccini preferiti con gruppi di età più giovani e rivisitando i dati per altri vaccini per essere vigili.

In questo modo, afferma Quinn, le autorità di regolamentazione devono bilanciare un rischio molto raro di VITT con il vaccino AstraZeneca, con un rischio molto reale di morte e malattia che devono affrontare le persone con COVID-19. Per molte persone, in particolare le persone anziane nelle regioni con trasmissione comunitaria del virus, ha ancora senso per la loro salute ricevere qualsiasi vaccino COVID-19 disponibile.

Si tratta di decisioni complesse che si traducono in informazioni sfumate che è difficile da comunicare. Ma il fatto che le autorità di regolamentazione si stiano impegnando con loro in modo rapido e trasparente è rassicurante.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->