venerdì, Luglio 30

Assistenti Digitali, la nuova frontiera della consulenza Un esempio è dato dall'Assistente TOBi, l'assistente di Vodafone che guida gli utenti in una vasta gamma di operazioni sul web. Scopriamone le caratteristiche

0

Gli assistenti digitali giocano un ruolo fondamentale dal punto di vista della consulenza fornita ad utenti poco pratici. Ritroviamo assistenti simili in una vasta gamma di dispositivi, dagli smartphone (Siri e Assistente Google) agli apparecchi smart come gli Echo Dot, prodotti da Amazon e funzionanti tramite input vocali.

Forme di intelligenza artificiale simili si ritrovano anche online. Un esempio è dato dall’Assistente TOBi, l’assistente di Vodafone che guida gli utenti in una vasta gamma di operazioni sul web.

Scopriamone le caratteristiche nel dettaglio.

Indice

TOBi: come accedere al servizio

Come utilizzare TOBi: domande d’esempio da rivolgere all’assistente

L’utilità e la disponibilità di TOBi

 

TOBi: come accedere al servizio

L’accesso a TOBi avviene dal sito Vodafone, e in particolare dall’area Supporto; quest’ultima, a sua volta, è accessibile dall’area Privati.

In merito alle sue caratteristiche, l’assistente si presenta come una vera e propria chat: l’utente può fare domande a TOBi e ricevere risposte in merito a quanto richiesto.

Una volta effettuato l’accesso alla pagina su indicata, l’utente potrà cliccare direttamente su “Chiedi a TOBi”, pulsante che permetterà di aprire una chat apposita.

In alternativa, la conversazione può essere aperta in modo manuale cliccando sull’icona del “robottino”, collocata nell’angolo destro della schermata.

Come utilizzare TOBi: domande d’esempio da rivolgere all’assistente

Effettuato l’accesso alla pagina del servizio, l’utente potrà iniziare a porgere domande all’assistente digitale.

Nel caso in cui si abbiano le idee chiare, sarà sufficiente digitare la domanda nello spazio apposito, un po’ come avviene nella barra di ricerca di Google; se invece si ha qualche dubbio in merito alla corretta digitazione del quesito, è sufficiente dare un’occhiata alle domande preimpostate.

All’interno della pagina, infatti, sono presenti altre possibili domande di default che gli utenti sono soliti porgere all’assistente digitale: “Quali sono le mie offerte attive?”, “Quanto costa mandare un SMS dagli Stati Uniti?”, “Qual è il mio codice PUK?”.

Il servizio di TOBi, e della stragrande maggioranza degli assistenti digitali, è quello di fornire assistenza 24/7, così da permettere agli utenti di chiedere aiuto in qualsiasi fascia oraria. I costi per le aziende diminuiscono, poiché l’assistente digitale comporta una spesa inferiore rispetto al mantenere sotto contratto un addetto in carne e ossa.

L’utilità e la disponibilità di TOBi

TOBi è in grado di rispondere a quesiti differenti. È stato progettato per fornire assistenza ad ampio spettro, in modo tale da garantire agli utenti un aiuto in più in caso di problemi.

Tuttavia, stiamo pur sempre parlando di un’Intelligenza Artificiale. A fronte di alcuni quesiti, TOBi potrebbe non avere la risposta adatta per soddisfare le richieste dell’utente. In questi frangenti, così come avviene per altri assistenti digitali, l’utente verrà messo in contatto con un operatore.

Il futuro dell’assistenza telefonica è sempre più improntato all’utilizzo di servizi simili, capaci di andare incontro alle esigenze degli utenti e risolvere le loro perplessità.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->