lunedì, dicembre 17

Assad a Ghuta Est: ecco le immagini Un video in cui lui guida un'auto mentre da Damasco si dirige verso la prima linea, senza che attorno a lui si vedano guardie del corpo

0

Sono quasi 80mila i civili che hanno finora lasciato la Ghuta, l’area assediata a est di Damasco, secondo quanto riferito dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (ondus). La maggior parte dei civili che hanno lasciato la Ghuta hanno attraversato il valico di Wafidin controllato dalle forze russe e da quelle governative siriane.

Intanto ieri proprio sul fronte è arrivato il presidente siriano Bashar al Assad. In particolare ha fatto diffondere un video in cui lui guida un’auto mentre da Damasco si dirige verso Ghuta, senza che attorno a lui si vedano guardie del corpo di alcun genere. Si possono però chiaramente vedere le rovine e la distruzione causate dai bombardamenti massicci che hanno consentito all’esercito regolare, grazie all’appoggio dei russi, di recuperare il controllo dell’80% di quest’area alle porte di Damasco, roccaforte dei ribelli dal 2012.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore