giovedì, Ottobre 28

Asia e il fenomeno droghe sintetiche field_506ffb1d3dbe2

0

droghe sintetiche Asia

Bangkok – La droga-killer che ha causato sei morti durante l’ultima edizione del Future Music Festival Asia FMFA pare impieghi solo 10 minuti per annientare il sistema vitale delle persone. A parte i sei decessi, vi sono anche altri 14 casi di soggetti finiti in ospedale in condizioni più o meno gravi dopo aver assunto quella che la Polizia è ormai abituata a chiamare “Tab”. A peggiorare il quadro della situazione vi è il fatto che il “Tab” è solo una delle più recenti droghe sintetiche che stanno pian piano diffondendosi nella scena asiatica. Secondo l’Agenzia Nazionale Anti-Droga AADK, il novero delle droghe sintetiche in arrivo è molto probabilmente più pauroso di quel che si possa pensare e non si tratta solo di un terrore che miete il quadro Sud Est asiatico, poiché, qualsiasi sia la piattaforma di diffusione delle droghe sintetiche di più recente generazione, l’effetto catalizzatore della diffusione è sempre più forte a livello globale e mondiale. E la Malaysia non ne è esente.

Ecco perché, i vertici dell’Agenzia Nazionale Anti-Droga sono estremamente preoccupati, perché in un Mondo dove i confini si sono sempre più ridotti se non annullati, persone e beni possono viaggiare e trasmigrare, diffondersi e superare i confini senza impiegare quantità di tempo enormi come accadeva tempo fa. Tra gli “osservati speciali” all’interno delle nuove droghe sintetiche l’Agenzia AADK ha posto la droga 25i.NBOME, più conosciuta come “25i” o “Mago”, che è abbastanza simile a quella che molto probabilmente hanno assunto le vittime del Future Music Festival Asia.

Si ritiene che la droga sia realizzata in Cina e Russia, sia veicolata su piccole tavolette in carta della grandezza di tre millimetri quadri di carta bianca poi stampata con vari simboli. E’ altamente tossica, anche solo una piccolissima quantità può provocare attacchi mortali, danni neurobiologici, danni organici, arresti cardiaci e respiratori così come la morte. Casi di decessi associati alla droga “25i” sono già stati ampiamente segnalati nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Sono stati segnalati anche casi drammatici di una improvvisa esplosione di potenza fisica dovuta all’uso della droga “25i” con persone che hanno cominciato a correre nude all’impazzata, a scaraventarsi su chiunque trovassero sulla propria strada mordendo le facce della gente a caso oppure provocando risse e istigando alla violenza, innescando vere e proprie provocazioni gratuite pur di giungere a delle lotte fisiche violente.

Agli inizi del mese in corso, il Board di Controllo Internazionale sui Narcotici INCB ha lanciato un allarme sul trend crescente delle nuove droghe sintetiche. Per quel che risulta nel suo ultimo Report annuale, le nuove sostanze psicoattive vengono immesse sul mercato delle droghe internazionali praticamente una al giorno ed il loro consumo è in aumento esponenziale un po’ in tutte le Nazioni del Mondo. Secondo il Board Internazionale vi è stata una crescita senza precedenti nell’uso delle sostanze psicoattive, spesso chiamate “Altezze speciali” oppure “Droghe designer”. La loro rapida evoluzione ha messo in gravi difficoltà i vari sistemi legali degli Stati e, a peggiorare il quadro, si aggiunge il fatto che, attraverso gli acquisti on line via web, vi è una disponibilità quasi immediata per l’utente finale. Le varie Agenzie ed Istituzioni nazionali fanno sempre più fatica a identificare e classificare le nuove droghe per poterle poi combattere e limitare nella loro diffusione ed impiego o assunzione. Una delle migliori strade, al momento, per combatterle resta la prevenzione e la corretta informazione soprattutto per le classi di età giovanili. I giovani ed i giovanissimi, ad esempio, s’è saputo che fanno delle vere e proprie sfide in stile “roulette russa” senza nemmeno sapere bene che cosa vi sia dentro quei piccoli pezzetti di carta colorata, qualche volta prodotti in garage o in luridi scantinati dove spesso l’improvvisato ed oscuro apprendista stregone di disneyana memoria scatena forze mortali e sconosciute.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->