venerdì, Ottobre 22

Asia: 1°anniversario per la politica trasparenza acque Questa l'unica proposta politica che mette d'accordo i Paesi in contrasto da ormai più di 12 anni

0

La politica di promozione della trasparenza delle acque, legato ai mari e fiumi nei quali avviene il trasporto marittimo asiatico, festeggia il suo primo anno di nascita. Ma cos’è di preciso l’‘Asia Maritime Transparency Initiative’, nel suo acronimo ‘AMTI’, e quali sono gli obiettivi di missione nell’ambito dei programmi del Centro internazionale di studi strategici (CSIS)? Dopo la proposta di costruire un’isola artificiale nel Mar Cinese Meridionale, il dialogo politico internazionale si è spostato sulle conseguenze giuridiche e politiche relative alla bonifica di alcune aree marittime asiatiche. Il contesto geopolitico passa dalla bonifica in corso nelle Isole Spratly, alle crescenti tensioni tra la Cina e gli Stati Uniti, e attraverso il braccio di ferro in corso tra Pechino e Tokyo per la contesa del Mar Cinese orientale. Il fattore comune che avrebbe messo d’accordo le parti, negli ultimi 12 mesi ha riguardato la necessità di una maggiore ‘trasparenza’ nelle acque contestate dell’Asia. L’AMTI è convinta che il sole sia il migliore e più efficace antisettico. Fatto sta che con il crescere delle tensioni rivolte alla contesa delle varie aree marittime asiatiche, un impegno ambientale teso al raggiungimento di una graduale riduzione della torbidità delle acque, non potrà che crescere a partire già dal prossimo anno.

(tratto dal canale Youtube di ‘Center for Strategic & International Studies’, ovvero il ‘CSIS’) 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->