lunedì, Ottobre 25

Arrivano le strade di plastica

0

Che la soluzione all’inquinamento sia la plastica stessa? Ebbene devono averlo pensato in pochi, ma le idee interessanti non mancano. Tra queste c’è quella di sostituire all’asfalto proprio un composto di plastica.

Tra i primi a progettare una soluzione simile la VolkerWessels. Ogni anno, secondo i dati forniti dall’Onu, otto milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare, inquinandolo; per quanto riguarda le strade, invece, essendo attraversate continuamente da automobili e qualsivoglia mezzo di locomozione, l’asfalto rilascia 27 chilogrammi di CO2 per ogni tonnellata prodotta.

E Plastic Road, questo il nome della futura strada ecologica, nasce proprio con l’obiettivo di inquinare di meno ma soprattutto abbattere i costi per la produzione e messa a terra. Infatti i pannelli che dovrebbero formare le varie carreggiate sono facili da incastrare e semplici da creare: all’interno c’è una parte vuota che ospita dei tubi che consentono il prosciugamento delle acque, rendendo la strada di plastica, tre volte più resistente dell’attuale bitume, più sicura in caso di piogge e mettendo a riparo da eventuali guasti elettrici cavi, pali della luce e via dicendo. E si adatterà comodamente a superfici suscettibili di cedimento.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->