sabato, Luglio 24

Arriva l’Ora della Terra field_506ffb1d3dbe2

0

PHILIPPINES-MINING-POLITICS

Bangkok – Il Segretario all’Ambiente delle Filippine Ramon Paje  ha chiesto a viva voce ai suoi connazionali di partecipare in massa alla ottava edizione dell’Ora della Terra che si terrà sabato 29 marzo affermando che «un’ora di oscurità volontaria ci aiuterà nel combattere i mutamenti climatici». Nello specifico, ha chiesto a tutti filippini, compresi quelli sparsi nel Mondo, di partecipare alla manifestazione internazionale spegnendo le luci tra le 8,30 e le 9,30 di sera e compartecipare così la campagna per combattere i cambiamenti climatici che sono ritenuti alla base dei tremendi eventi naturali come il super Tifone Yolanda (chiamato il tutto il Mondo “Haiyan”) che ha devastato la parte orientale di Visayas nel mese di novembre.

Secondo Ramon Paje l’esperienza nazionale del Tifone Haiyan dovrebbe fornire ai filippini tutte le ragioni per partecipare alla manifestazione mondiale in difesa del Pianeta Terra. «La abnorme devastazione arrecata dal Super Tifone  Yolanda ci serve a ricordare che il cambiamento climatico è materia seria che non possiamo semplicemente ignorare». Poi ha aggiunto: «Un evento globale come l’Ora della Terra è uno strumento utile per innalzare l’attenzione sui cambiamenti climatici e sulle tematiche ambientali». Considerato il più grande evento singolo, connotato da una partecipazione di massa a livello mondiale, l’Ora della Terra si tiene ogni ultimo Sabato di Marzo su iniziativa del World Wildlife Fund for Nature WWF gruppo ambientalista che ha sede a Washington ma è operativo a livello planetario in difesa dell’ambiente e delle forme di vita che l’abitano. La manifestazione è caratterizzata dallo spegnere qualsiasi apparecchiatura elettrica in casa o dove si sia in quella fascia oraria a sostegno degli sforzi compiuti per risolvere i problemi correlati al cambiamento climatico ed al riscaldamento globale.

Fin dal 2009, anno in cui hanno aderito per la prima volta, le Filippine hanno sempre registrato il più grande numero di partecipanti attraverso città, metropoli e individui, ottenendo il riconoscimento di “Eroe dell’Ora della Terra”. Quest’anno la Nazione è stata selezionata come uno dei beneficiari della prima edizione “Ora della Terra Blu”, un’operazione di raccolta fondi a livello internazionale avviata dal WWF che fornisce mezzi o piccole imbarcazioni alle vittime del Tifone Yolanda. Attraverso questo progetto, le comunità costiere colpite dal Super Tifone riceveranno risorse utili per ricostruire mezzi marinari non motorizzati, rinforzati da strutture in fibre di vetro. La costruzione delle prime 60 barche si ritiene sarà completata a metà Aprile. Tutte le istituzioni filippine, compreso il Ministero per l’Ambiente, plaudono all’iniziativa che contribuisce all’impedimento di abbattimento di alberi o utilizzo di legni provenienti dalle aree verdi del Paese. Oltretutto, questo progetto non lascerà alcuna traccia impattante attraverso l’uso di carbonfossile e incoraggerà i pescatori ad adottare tecniche di pesca non invasiva e non impattante su piccola scala.

L’Ora della Terra è stata lanciata per la prima volta a Sidney, Australia, nel 2007, quando circa 2.2 milioni di persone spensero le luci e manifestarono il loro sostegno a salvaguardia dell’Ambiente. Il trend s’è presto diffuso in tutto il Mondo. Ora vi sono più di 150 Nazioni che partecipano attivamente ogni anno all’Ora della Terra

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->