mercoledì, Settembre 22

Arriva CargoPod, il furgone senza conducente per le consegne

0

Il supermercato online Ocado si è unito alla società di automotive Oxbotica e ha creato un furgone per consegne a domicilio senza conducente denominato CargoPod. Il furgoncino di dimensioni ridotte, elettrico, ha fatto alcune consegne di prova per i clienti questa settimana a Londra.

Per i test su CargoPod è presente all’interno una persona, che si trova al posto di guida ed è pronto ad intervenire in caso di problemi e soprattutto perché la legge ancora richiede che un pilota umano sia seduto dietro al volante. Il furgone può viaggiare fino a 25 miglia all’ora e viaggiare a 18 miglia di distanza senza bisogno di ricarica, anche se durante i test nell’area di Greenwich di Londra, il furgone è arrivato fino a 5 miglia all’ora. Ha otto vani, o pad, che si illuminano all’arrivo per permettere al cliente di prendere il proprio.

Ocado ha affermato che questo furgone è destinato alle piccole consegne, quelle dell’ultimo miglio, in particolare nei luoghi in cui i veicoli più grandi non possono arrivare in maniera normale, come strade semi-pedonali. Il veicolo naviga con un sistema chiamato Selenium, creato da Oxbotica, che consiste in telecamere e sensori posti attorno al veicolo.

Il test di consegna di CargoPod fa parte del più ampio progetto GATEway (Greenwich Automated Transport Environment) guidato dal Laboratorio di Ricerca Trasporti (TRL), che ha ricevuto 8 milioni di sterline di fondi statali dedicati allo sviluppo di sistemi di trasporto automatizzati nel Regno Unito.

Un dirigente di Oxbotica ha affermato che i sistemi automatizzati come CargoPod potrebbero vedersi in tutte le strade del Regno Unito entro 3 anni.

(video tratto dai canali Youtube della BBC e Ocado Technology)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->