domenica, Ottobre 24

Argentina, il tango contro gli aumenti dell’energia

0

Argentina alle prese con la grana energia. Il governo il 12 luglio scorso ha annunciato l’introduzione di un tetto massimo di rincari del 400 per cento per le bollette di elettricità e gas. A parlare della decisione il capo di Gabinetto, Marcos Pena: «Proporremo una risoluzione che genererà un tetto massimo del 400 per cento con valore retroattivo per le bollette emesse a partire dal primo aprile scorso. Questo aiuterà a superare la prima fase di transizione, in cui dobbiamo prendere coscienza che abbiamo un problema e dobbiamo cambiare le nostre abitudini», ha detto, supportato dai ministri dell’Energia, Juan Jose Aranguren, e della Giustizia, German Garavano. «Il Paese ha carenze di gas, ma non possiamo importarne di più di quanto ne abbiamo già importato». Ma la popolazione non ha preso bene la decisione del governo Macri e per questo ha dato via ad una serie di proteste di piazza. Tra queste quella di centinaia di coppie che hanno deciso di ballare il tango per le strade di Buenos Aires. Un modo per le numerose milonghe non per farsi notare ma per protestare contro l’aumento dei prezzi. Una protesta pacifica in Argentina che però il governo non sembra voler ascoltare.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->