lunedì, Settembre 27

Argentina: grave inondazione nel Nord del Paese Più di 10mila persone hanno dovuto lasciare le proprie case nella provincia di Salta

0

Oltre 60 mila persone sarebbero state vittime di dissesti e allagamenti nel Nord dell’Argentina nei giorni scorsi. Più di 10 mila persone hanno dovuto lasciare le proprie case nella provincia di Salta a seguito dell’esondazione del fiume Pilcomayo; una persona ha perso la vita dopo essere stata travolta dalla piena del torrente.

Il segretario della Protezione Civile, Néstor Ruiz de los Llanos, ha affermato che il fiume Pilcomayo si sta mantenendo al livello record di 7,28 metri. «Siamo ben al di sopra delle ultime esondazioni verificatesi a 5,84 metri, quindi siamo anche temendo per i due anelli di difesa a Santa Maria e Mision La Paz che stanno cominciando a cedere» ha detto il segretario della Protezione Civile.

La località più colpita dal maltempo è stata Santa Victoria Este, nei pressi del confine tra Bolivia e Paraguay; migliaia di persone sono rimaste senza servizi, al buio,  in condizioni estreme nell’ attesa di essere soccorse dalle squadre di salvataggio. Da metà Gennaio il maltempo sta devastando l’ area settentrionale, mentre l’ area orientale tenta di far fronte ad una temperatura molto elevata che ha causato gravi incendi che hanno già distrutto più di 600 mila ettari di vegetazione.

(Video tratto dal canale Youtube Aljazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->