martedì, ottobre 23

Che cos’è l’Arakan Rohingya Salvation Army 'Non è un gruppo terroristico che mira a colpire al cuore la società del Myanmar come afferma il governo'

0

Arakan Rohingya Salvation Army (ARSA), precedentemente noto come Harakatul Yakeen, è emerso per la prima volta nell’ottobre 2016 quando ha attaccato tre avamposti di polizia nelle municipalità di Maungdaw e Rathedaung, uccidendo nove agenti di polizia.

Maung Zarni, membro del Centro europeo per lo studio dell’estremismo, ad ‘Al Jazeera‘ ha detto: «L’Arakan Rohingya Salvation Army non è un gruppo terroristico che mira a colpire al cuore la società del Myanmar come afferma il governo. Sono un gruppo di uomini senza speranza che hanno deciso di formare un qualche tipo di gruppo di difesa per proteggere la loro gente che vive in condizioni simili a un campo di concentramento nazista».

L’Arakan Rohingya Salvation Army dice che combatte per conto di più di un milione di Rohingya, ai quali sono stati negati i diritti fondamentali, inclusa la cittadinanza. «La nostra legittima autodifesa è una lotta necessaria giustificata dalle necessità della sopravvivenza umana», ha detto il capo, Ataullah Abu Jununi, in un video caricato sui social media il 15 agosto di quest’anno. Le autorità del Myanmar, tuttavia, dipingono un quadro diverso, dicendo che sono ‘terroristi’ musulmani che vogliono imporre il dominio islamico. Ma non sono affiliati ad Al Qaeda o all’Isis, come qualcuno vuole far credere.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.