mercoledì, Maggio 12

Arabia Saudita: per la prima volta le donne entrano in uno stadio Circa 300 donne hanno fatto il loro ingresso al Pearl Stadium di Gedda per assistere alla partita tra Al-Ahli e Al-Batin

0

In Arabia Saudita, circa 300 donne hanno fatto il loro ingresso al Pearl Stadium di Gedda per assistere alla partita tra Al-Ahli e Al-Batin, vinta 5-0 dalla squadra padrona di casa. Dopo quest’ appuntamento, la partita nella capitale tra al-Hilal e al-Ittihad e, il prossimo giovedì, a Dammam, quella tra al-Ittifaq e al-Faisali. Circa diecimila i biglietti messi ieri a disposizione per la sezione riservata a donne e famiglie per il primo eventoAlle donne è stata riservata una tribuna, molto lontana dalle poltrone degli uomini non sposati. Si sono presentate munite di tutti i gadget di un qualsiasi fan. 

E questa sarebbe l’ ennesima rivoluzione attuata da Mohammed bin Salman nei costumi del Paese: nei confronti delle donne, il nuovo Principe ereditario aveva messo fine al divieto di guida dell’ automobile. Pochi giorni, fa, inoltre, a Gedda, è stato inaugurato il primo showroom di auto solo per donne. 

Secondo l’Autorità generale dello Sport saudita, al momento, sarebbero tre gli impianti in grado di ospitare il pubblico femminile: lo stadio internazionale re Fahd a Riad, lo stadio re Abdullah a Gedda e lo stadio principe Mohammad bin Fahd a Dammam. Nel primo, le donne occuperanno 7.500 posti mentre il capo della Federazione Saudita per i Media Sportivi, Raja Al Sulami, ha rivelato che 14mila posti sono stati riservati alle donne nello stadio di Gedda.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->