martedì, Gennaio 18

Arabia Saudita – Iran: le origini e il futuro della nascente distensione I leader di Riyadh e Teheran stanno iniziando a rendersi conto che la loro relazione contraddittoria non serve più gli interessi dei loro Paesi

0

Gli sforzi dell’Arabia Saudita per ridurre la sua dipendenza dalle esportazioni di petrolio e diversificare la sua economia stanno creando nuovi modelli di partnership e rivalità regionali. Le ambizioni del Regno di essere un centro finanziario regionale per gli affari e il turismo globali, legati all’obiettivo principale della sopravvivenza della Casa di Saud, lo stanno spingendo a rivisitare le sue relazioni di lunga data con l’Iran.

Nelle ultime settimane del 2021, l’Organizzazione per la cooperazione islamica si è riunita a Islamabad per affrontare la crisi umanitaria in corso in Afghanistan. Mentre i ministri degli Esteri discutevano dell’impegno del gruppo nei confronti del popolo afghano, uno sviluppo chiave nella politica regionale si è svolto in silenzio a margine del vertice: il ministro degli Esteri iraniano Amir Hossein Abdollahiyan ha incontrato il ministro degli Esteri saudita Faisal Bin Farhan Al Saud. L’incontro di Islamabad è stato il quinto di una serie di colloqui diretti tra alti funzionari sauditi e iraniani.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha espresso la speranza che “i colloqui con l’Iran porteranno a risultati tangibili per creare fiducia e rilanciare le relazioni bilaterali”. Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha affermato che non ci sono ostacoli alla ripresa dei “legami diplomatici” con il Regno. I colloqui tra Arabia Saudita e Iran rappresentano uno sviluppo significativo per i due rivali regionali che combattono guerre per procura in tutta la regione da oltre un decennio. Questo cambiamento nella politica estera saudita dimostra le insicurezze politiche ed economiche regionali del Regno e la sua ricalibrazione dei legami con il mondo musulmano. Segnala anche il ruolo chiave svolto da due potenze di mediazione: Pakistan e Cina.

Allora, cosa dà?

Negli ultimi anni, Riyadh si è sentita soffocata economicamente e politicamente dai suoi aspiranti coetanei regionali, in particolare dagli Emirati Arabi Uniti. Per la Casa Saud, queste preoccupazioni sembrano esistenziali, poiché la sopravvivenza della monarchia si basa sulla sua capacità di garantire la stabilità economica e politica della nazione. Per il principe ereditario, la guerra per procura con l’Iran nello Yemen rappresenta un ostacolo significativo per diventare un centro finanziario regionale.

Per diversificare l’economia del KSA, Mohammad Bin Salman ha annunciato nel 2016 il suo progetto “Vision 2030“, un ambizioso piano multimiliardario inteso a stimolare le riforme sociali ed economiche in tutto il paese. Una chiave per Vision 2030 è lo sviluppo dell’industria del turismo saudita, che è stata schiacciata dal COVID-19 e a lungo eclissata da Dubai. La pandemia ha comportato un calo del 45% del turismo religioso, un calo di 28 miliardi di dollari di ricavi nel 2020.

Più recentemente, l’Arabia Saudita si è sentita superata politicamente e diplomaticamente dai suoi vicini. Gli Emirati, in particolare, stanno giocando un ruolo sempre più importante nella diplomazia regionale, avendo normalizzato le relazioni con Israele. Gli Emirati Arabi Uniti continuano a coltivare il loro potere soft di vasta portata con la Turchia e stanno rimodellando la geopolitica del Corno d’Africa. Nel frattempo, il KSA è preoccupato per la sua costosa guerra in Yemen, dove la campagna militare contro i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran è costata circa 265 miliardi di dollari.

Tradizionalmente, il Regno potrebbe aver cercato sostegno negli Stati Uniti e in Occidente. Tuttavia, l’assassinio di Jamal Khashoggi nel 2018 ha creato un significativo problema di immagine per KSA e ha impedito la capacità di MBS di rafforzare i legami con le amministrazioni Trump e Biden. Con Washington che si allontana dal Medio Oriente, sta diventando chiaro a Riyadh che gli Stati Uniti non forniranno lo stesso sostegno praticamente incondizionato che una volta avevano offerto al Regno.

Mentre l’Arabia Saudita potrebbe, in teoria, sviluppare anche le sue relazioni con Israele, tale proposta sembra improbabile alla luce delle richieste saudite di lunga data “di porre fine all’occupazione di tutte le terre arabe occupate da Israele nel 1967”. Per non parlare del fatto che lo stesso pubblico saudita non accetterebbe mai un completo riavvicinamento con Tel Aviv, invece percepisce Israele come la più grande minaccia alla sicurezza regionale. Pertanto, Riyadh ha riconosciuto che deve fare sempre più appello al più ampio mondo musulmano. Tuttavia, non può farlo se rimane ostile all’Iran come nel recente passato.

Flirtare con il nemico

Solo due anni fa, l’Arabia Saudita, che da tempo domina l’OIC, ha escluso l’Iran da un incontro dell’OIC a Gedda rifiutandosi di rilasciare visti per la sua delegazione. Quando il Regno ha interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran nel 2016, l’OIC ha emesso una risoluzione fortemente formulata a sostegno di Riad, condannando Teheran per ingerenza negli affari regionali e sostegno al terrorismo.

Tale animosità è stata a lungo caratteristica delle relazioni tra il Regno e l’Iran, la cui rivalità ha storicamente diviso il Medio Oriente in due fazioni distinte e in competizione. Tuttavia, l’ultimo incontro di Islamabad rappresenta il potenziale riscaldamento delle relazioni in linea con i più ampi obiettivi strategici sauditi. Mentre i sauditi una volta si sono tirati indietro all’idea di cooperare con l’Iran, potrebbero lentamente concludere che il riavvicinamento con Teheran è nel migliore interesse del Regno per ottenere importanza regionale. Ancora più importante, la cooperazione tra Riyadh e Teheran darebbe loro un maggiore controllo sui prezzi del petrolio poiché rappresentano il 35,5% delle riserve petrolifere dell’OPEC. La stabilità dei prezzi del petrolio è fondamentale per la stabilità economica di questi due paesi. Entrambe le potenze, i cui regimi dipendono dalla stabilità economica per la loro sopravvivenza, hanno qualcosa da guadagnare dall’intensificare la loro provvisoria distensione nel 2022.

La Cina gioca a matchmaker

Il riavvicinamento di Riyadh e Teheran scuoterebbe in modo significativo l’ordine politico esistente nella regione, creando la propria serie di vincitori e vinti. Gli Stati Uniti avrebbero molto da perdere, mentre la Cina avrebbe molto da guadagnare.

Mentre gli Stati Uniti tentano di attuare la loro strategia “Pivot to Asia” e di districarsi dal Medio Oriente, la Cina ha colto questo momento come un’opportunità per rafforzare la propria influenza nella regione. Lo ha fatto attraverso vari mezzi economici, militari e diplomatici, inclusi accordi sui missili balistici con l’Arabia Saudita e la firma di un accordo di cooperazione di 25 anni con l’Iran. Sotto tutti i punti di vista, i due rivali si assomigliano sempre più nella loro reciproca affinità con Pechino.

Dato che KSA e Iran sono i principali partner commerciali della Cina in Medio Oriente, la stabilità tra i due rivali sarebbe vantaggiosa per i rapporti di Pechino nella regione. Per questo motivo, la Cina, insieme al Pakistan, svolge un ruolo fondamentale nel facilitare la distensione dell’Arabia Saudita con l’Iran. Dopotutto, i continui colloqui tra Iran e Arabia Saudita corrispondono al più ampio piano in cinque punti di Pechino per il Medio Oriente, in cui incoraggia “la risoluzione politica delle questioni dei punti caldi e la promozione della pace e della stabilità in Medio Oriente”.

In particolare, la Cina, che ha partecipato all’ultimo vertice dell’OIC, lo scorso giugno ha nominato il suo primo rappresentante presso il Comitato dei Rappresentanti Permanenti dell’Organizzazione. In passato la Cina ha mostrato interesse ad ottenere lo status di Osservatore presso l’OIC. Mesi dopo la nomina dell’ambasciatore Chen Weiqing, il ministro degli Esteri iraniano ha parlato al telefono con il segretario generale dell’OIC Yousef Al-Othaimeen per la prima volta in quattro anni. (Al-Othaimeen in precedenza era stato ministro degli Affari sociali del Regno.)

Questi piccoli ma significativi passi verso il riavvicinamento saudita-iraniano coincidono con gli sforzi di Pechino di trascendere le rivalità tradizionali e sfidare l’egemonia statunitense nella regione. Se l’amministrazione Biden vuole mantenere un livello di influenza nella regione, sta diventando sempre più chiaro che non può permettere che la regione diventi teatro di una competizione feroce e di grandi potenze in cui costringe gli stati mediorientali a scegliere tra se stessa e Pechino .

La strada davanti

I due stati probabilmente continueranno a migliorare i rapporti nel nuovo anno, poiché è nell’interesse sia di Riyadh che di Teheran. Per il regime iraniano, che si stima abbia un disavanzo di bilancio mensile di 1 miliardo di dollari, il peggioramento dell’economia potrebbe incentivare ulteriormente un riavvicinamento con l’Arabia Saudita. Inoltre, per l’Arabia Saudita, le alternative per raggiungere i suoi obiettivi economici sono limitate. Riyadh sta già sentendo la crisi del crollo delle entrate petrolifere mentre la pandemia esacerba il declino dell’era petrolifera araba. Secondo Capital Economics, il Regno una volta rappresentava quasi il 30 per cento delle esportazioni mondiali di petrolio; oggi quella cifra è scesa a circa il 12%. I 444 miliardi di dollari di riserve dell’Arabia Saudita coprirebbero solo due anni di spesa al tasso attuale.

Se gli obiettivi di Vision 2030 cadessero invariati, sarebbe potenzialmente disastroso per il principe ereditario e l’economia saudita. Se il 2021 è stato indicativo, una distensione saudita-iraniana non è solo imminente ma vitale per i due rivali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->