lunedì, Settembre 20

Arabia Saudita e Fratelli Musulmani Questioni di strategia

0
1 2


Nella matassa ingarbugliata della geopolitica mediorientale c’è un filo particolarmente difficile da seguire. Si tratta di quello che lega l’Arabia Saudita ai Fratelli Musulmani.

Storicamente, il rapporto tra i due è stato alquanto altalenante. Il Regno e il movimento sono quasi coetanei: l’Imam Hasan al-Banna, che aveva fondato i Fratelli Musulmani nel 1928, in Egitto, accolse con favore la nascita dell’Arabia Saudita, nel 1932, sotto l’egida del suo primo Re, Abdul Aziz Ibn Saud. Al-Banna era affascinato dal Wahhabismo saudita, mentre mal digeriva le pretese di Re Fuad, monarca egiziano, di assurgere al califfato, del quale non era degno.

Al-Banna fu sempre accolto con tutti gli onori in Arabia Saudita e negli anni Cinquanta e Sessanta il regno divenne un rifugio per i Fratelli Musulmani perseguitati altrove, non solo in Egitto, ma anche in Siria e in Iraq (erano gli anni del socialismo arabo di ispirazione nasseriana). L’incantesimo si ruppe quando l’Iraq invase il Kuwait (1990-1991). Allora, i Fratelli Musulmani si schierarono con Saddam Hussein, mentre l’Arabia Saudita e il resto del Golfo si affrettavano a chiamare in soccorso gli Stati Uniti.

Nel 2002, l’allora Ministro della Difesa, Principe Nayef, arrivò a dichiarare che i Fratelli Musulmani fossero la causa principale della maggior parte dei problemi del mondo arabo, e di quelli dell’Arabia Saudita.

Se l’aspro ribaltamento dell’amicizia tra l’Arabia Saudita e i Fratelli Musulmani sembra, di primo acchito, inspiegabile, bastano poche righe a darne ragione. Il movimento di al-Banna aveva sostenuto dal punto di vista giurisprudenziale la modernizzazione dellArabia Saudita voluta da Abdul Aziz Ibn Saud, in un momento in cui i gruppi salafiti tradizionalisti locali tacciavano le riforme di condurre alla miscredenza. Tuttavia, i Fratelli Musulmani propugnano lideale di uno Stato sì dispirazione islamica ma fondato su base elettorale, in aperta ed evidente contraddizione con la natura stessa dei regni del Golfo. Negli anni Novanta, essi avevano sostenuto l’idea di una monarchia costituzionale in Kuwait.

Quando, al fiorire delle Primavere Arabe, i Fratelli Musulmani si sono schierati a favore dei movimenti rivoluzionari, l’Arabia Saudita è tornata a sudare freddo, paventando l’avvento di un potere al contempo democratico ed islamico, un vero incubo.

L’esempio migliore della strategia adottata dall’Arabia Saudita in questo frangente è senz’altro l’Egitto. Nel luglio del 2013, un colpo di Stato militare esautorò il Presidente Mohamed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani democraticamente eletto. LArabia Saudita si schierò senza esitazioni al fianco del Ministro della Difesa, Generale Abdel Fatah alSisi, istigatore del golpe.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->