domenica, Aprile 18

Apple, utili e ricavi in forte ribasso L'azienda statunitense della mela fa registrare un calo considerevole rispettando le previsioni

0

Gli utili e i ricavi di Apple nel secondo trimestre del 2016 (aprile-giugno) sono risultati superiori alle attese, ma in crollo rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Sul ribasso pesa la diminuzione delle vendite degli iPhone. La società di Cupertino ha attestato un utile netto sui 7,8 mld di dollari, evidenziando un ribasso del 27 per cento rispetto al secondo trimestre del 2015. Anche i ricavi sono in forte calo: 42,36 miliardi di dollari, con un down del 14 per cento rispetto allo stesso periodo.

Sono stati venduti 10 milioni di iPhone in meno rispetto al 2015, il dato più basso degli ultimi due anni. Le cifre rientrano nelle previsioni, ma sembrano non riguardare esclusivamente Apple: azienda come Microsoft e Google hanno fatto registrare un bilancio altrettanto negativo in questo periodo, a testimonianza di una tendenza di mercato ormai in espansione. Nonostante il segno meno occorso nel trimestrale, tuttavia Apple ha fatto registrare un aumento del 19 per cento nel settore dei servizi, ossia quello relativo agli acquisti sull’App Store, Apple Music e iCloud. Gli analisti del settore hanno imputato il calo delle vendite dei prodotti alle attese degli acquirenti nei confronti di altri dispositivi prossimi all’uscita, come l’iPhone 7. Tim Cook, il delegato di Apple, si è dimostrato comunque fiducioso per le prospettive future, puntando proprio sul successo del prossimo smartphone: «arriveranno grandissime novità, sarà importante come non mai».

(video tratto dal canale Youtube ‘wochit Tech’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->