domenica, Settembre 19

Apple: ricavi in calo dopo 13 anni

0
Per la prima volta in 13 anni, la Apple deve confrontarsi con il segno meno. «È stato un secondo trimestre difficile» ha commentato Tim Cook, erede di Steve Jobs e solitamente abituato al successo sin dal lancio dell’iPhone nel 2007.
Ma i dati parlano chiaro: meno 16,3% nell’ultimo trimestre. Con un calo annuale delle vendite di iPhone dopo quasi nove anni di vita. Scendendo così a 51,2 milioni di modelli venduti rispetto i 61 milioni venduti nello stesso periodo nello scorso anni, vale a dire 10 milioni in meno rispetto al 2015. Dati che passeranno alla storia e che hanno risentito del calo del 26% delle vendite sul mercato cinese. L’iPhone ha rappresentato il 65% dei ricavi di Apple nel trimestre in questione.
Così, in tutta risposta, le quote sono arrivate a perdere l’8%. Le vendite di iPad hanno registrato la nona perdita trimestrale consecutiva, scendendo del 19% a 10,25 milioni di unità. L’unica nota positiva è rappresentata dai ricavi dai servizi come l’App Store, iTunes e Apple Music, che sono cresciuti del 20%.
Il gruppo Apple ha comunque deciso di premiare gli azionisti alzando il dividendo trimestrale del 10% e aumentando il piano di riacquisto delle proprie azioni.
(video tratto dal canale YouTube di Fox Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->