sabato, Maggio 8

Apple investe un miliardo nel mercato cinese field_506ffbaa4a8d4

0

Apple ha deciso di investire un miliardo di dollari nel grande rivale cinese dell’americana Uber, la Didi Chuxing, la società che offre servizi alternativi ai taxi attraverso ride-sharing o car-hailing. La grande società statunitense ha versato una quota dell’87% in questo grande mercato cinese, che vanta 300 milioni clienti e ogni giorno conta undici milioni di corse; valutata 25 miliardi di dollari, rispetto ai 6 miliardi con cui era stata valutata nel febbraio del 2015. L’amministratore delegato, Tim Cook, ha dichiarato: «Stiamo compiendo l’investimento per diverse ragioni strategiche. Tra queste la possibilità di conoscere meglio alcuni segmenti del mercato cinese. Naturalmente crediamo anche che garantirà un forte rendimento nel tempo».

Sarà stato il declino degli ultimi mesi ad invogliare la compagnia a investire una somma di denaro così grossa, nel mercato cinese? Molto probabile. Certo è che l’investimento da parte di Apple punta su un alto livello di riscontri economici e su una certa vicinanza col mercato cinese, visto che la compagnia avrebbe un’altra porta per vendere i suoi servizi nell’enorme mercato cinese creando app e software su misura per gli utenti asiatici. Apple aveva già avuto a che fare col mercato cinese, quando stipulò l’accordo con l’operatore telefonico China Mobile, che garantì alla compagnia statunitense un aumento considerevole delle vendite di iPhone 6.

(Video tratto dal canale Youtube: wochit news)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->