martedì, Maggio 11

Apple Homepod: tutto quello che c’è da sapere E' fissata per il 9 febbraio la data di uscita ufficiale, ma c'è già molta attesa

0

E’ fissata per il 9 febbraio la data di uscita ufficiale di HomePod, ma i preordini sono iniziati il 26 gennaio. Al momento, però, il dispositivo sarà lanciato solo negli Stati Uniti, nel Regno Unito ed in Australia. In primavera, arriveranno anche in Francia e Germania.  HomePod sarà in grado, infatti, di capire il suo posizionamento rispetto alle pareti della stanza utilizzando i suoi 6 microfoni e, attraverso i 7 diffusori posti a 360°, potrà ottimizzare l’esperienza musicale a seconda dell’ambiente. Alla base il chip A8 di Apple e l’ integrazione di Apple Music, il servizio di streaming musicale ad abbonamento di Cupertino.

Come tutti i dispositivi di Apple, avrà a disposizione Siri, l’assistente digitale. Il supporto per Siri si estende anche ad app di terze parti, mediante SiriKitAl momento, però, lo sbarco sul mercato non prevede  la funzione di pairing di più speaker per sfruttare l’audio stereo  la riproduzione di audio multi stanza. HomePod dispone di un woofer ad alta escursione e di un array di ben sette tweeter.

HomePod è anche un assistente personale per la casa smart. Infatti, grazie all’ HomeKit, può essere utilizzato per controllare gli accessori smart compatibili.  Il prezzo negli Stati Uniti è di 349 dollari.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->