martedì, Giugno 22

Apple, i capitali ritornano negli USA (come vuole Trump) Un maxi-piano che prevede 38 miliardi di dollari in tasse per il rimpatrio di parte dei 250 miliardi di fondi parcheggiati all’estero

0

La Apple è pronta a ritornare a investire negli Usa. 350 miliardi di dollari la cifra promessa dall’azienda di Cupertino per i prossimi 5 anni. Un maxi-piano che include anche 38 miliardi di dollari in tasse per il rimpatrio di parte degli oltre 260 miliardi di dollari di fondi parcheggiati all’estero. Ma si tratta soltanto di un ‘anticipo’ dovuto ai recenti cambiamenti alla riforma fiscale sul rimpatrio del denaro, voluta da Donald Trump.

Il rientro dei capitali consentirà ad Apple di attuare una serie di nuovi investimenti nel Paese. La decisione però, se da una parte viene vista come un’opportunità per l’economia degli Stati Uniti, dall’altra ha fatto gridare allo scandalo perché la Apple pagherà una cifra inferiore rispetto a quanto avrebbe dovuto pagare con le precedenti leggi fiscali. Si stima che l’azienda grazie alle nuove regole abbia risparmiato circa 43 miliardi di dollari in tasse.

Per anni Apple aveva inoltre sostenuto che non avrebbe rimpatriato i propri capitali se non ci fossero stati prima cambiamenti al regime fiscale statunitense e lo stesso CEO della società, Tim Cook, aveva anche partecipato a un’audizione davanti a una commissione del Senato statunitense, difendendo le pratiche fiscali della sua azienda.

Apple ha inoltre annunciato che spenderà parte del denaro per costruire un nuovo campus, per assumere almeno 20mila persone e per altri investimenti legati alla ricerca e sviluppo dei prodotti. Attualmente l’azienda impiega circa 84mila persone negli Stati Uniti.

Nei prossimi mesi è probabile che altre grandi aziende del settore tecnologico avviino iniziative simili per portare i loro capitali negli Stati Uniti. Tra queste dovrebbero esserci Microsoft e Alphabet, la holding che ha la proprietà di Google.

Esulta Trump, che su Twitter, commentando la notizia, ammette di avere mantenuto la promessa di «permettere alle aziende come Apple di riportare enormi quantità di denaro negli Stati Uniti».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->