mercoledì, Ottobre 27

Anziani: combattere la solitudine si può!

0

Mimnermo, scrittore dell’antica Grecia, nel primo frammento che ci è pervenuto fino ad oggi, affermaVorrei essere morto/quando a me non più questo importi,/l’amore clandestino e i dolci doni e il giaciglio,/che di giovinezza sono i fiori fuggevoli/per uomini e per donne; quando invece dolorosa sopraggiunge/la vecchiaia, che brutto e spregevole insieme rende l’uomo/sempre nell’animo tristi lo tormentano inquietudini,/né si rallegra al vedere i raggi del sole,/ma (è) inviso ai bambini e disprezzato dalle donne;/così dolorosa il dio ha fatto la vecchiaia!

Ad oggi è partita la campagna di beneficenza con lo scopo di arginare il fenomeno della solitudine. Secondo i recenti dati divulgati dall’organizzazione, sarebbero circa 1 milione le persone affette da solitudine acuta, due milioni e mezzo solo quelli con più di 60 anni, e che convivono con  la paura di finire i propri giorni isolati dal resto del mondo. La UE sta cercando di porre obiettivi concreti che sono riassumibili come segue:

1)Cultura degli operatori vs formazione nozionistica 2)Ottimismo vs scetticismo 3)Conoscenza diffusa sulla demenza vs pregiudizi ancora radicati 4)Organizzazione di un sistema a rete vs dispersione organizzativa e territoriale 5)Finalizzazione dei finanziamenti vs distribuzione a pioggia 6)Governo reale del sistema sugli outcome vs controlli burocratici formali sui processi (ma non troppi).

D’altra parte come da rapporto UE “La malattia di Alzheimer non si è mai articolata come un oggetto scientifico chiuso, un sapere maturo e concluso, ma come processo conoscitivo aperto, oscillando sempre fra numerosi fattori – funzionali, anatomici e biochimici- e intersecandoli in forme molteplici, come ogni singolo caso clinico ha mostrato“.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Channel 4 News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->