martedì, Settembre 21

Anticoncezionali: Francesco parla chiaro Papa Francesco: "Esorterei i medici che facciano di tutto per trovare i vaccini"

0
1 2 3


Anche questa volta Papa Francesco non si sottrae al confronto ad alta quota con i cronisti che lo hanno seguito in Messico: tante le questioni sollecitate dai giornalisti, cui il Pontefice ha risposto, come sempre, con la semplicità e la fermezza del vero pastore di anime, di chi conosce l’autentico significato della parola ‘urgenza’, di chi, con la forza dell’esempio cerca costantemente un dialogo costruttivo per il bene di tutti.

A poche ore dalla conferenza stampa sul volo di rientro a Roma, per molti è stato suggestivo leggere titoli come ‘Il Papa apre alla contraccezione’; curioso è stato anche leggere alcuni di questi articoli: una sorta di esegesi più o meno atmosferica di quello che in concreto aveva risposto Papa Bergoglio alla giornalista spagnola Paloma García Ovejero, che, in relazione al virus Zika e ai rischi per le donne in gravidanza, ha posto all’attenzione del Pontefice le soluzioni indicate da alcune autorità: l’aborto, oppure evitare la gravidanza.

La giornalista ha chiesto, quindi, se la Chiesa ritenesse opportuno prendere in considerazione il concetto di male minore. Questa è stata la risposta di Papa Francesco: «L’aborto non è un ‘male minore’. E’ un crimine. E’ fare fuori uno per salvare un altro. E’ quello che fa la mafia. E’ un crimine, è un male assoluto. Riguardo al ‘male minore’: evitare la gravidanza è un caso – parliamo in termini di conflitto tra il quinto e il sesto comandamento. Paolo VI -il grande!- in una situazione difficile, in Africa, ha permesso alle suore di usare gli anticoncezionali per i casi di violenza. Non bisogna confondere il male di evitare la gravidanza, da solo, con l’aborto. L’aborto» ha aggiunto il Pontefice «non è un problema teologico: è un problema umano, è un problema medico. Si uccide una persona per salvarne un’altra –nel migliore dei casi– o per passarsela bene. E’ contro il Giuramento di Ippocrate che i medici devono fare. E’ un male in sé stesso, ma non è un male religioso, all’inizio, no, è un male umano. Ed evidentemente, siccome è un male umano –come ogni uccisione– è condannato. Invece» ha concluso Francesco «evitare la gravidanza non è un male assoluto, e in certi casi, come in quello che ho menzionato del Beato Paolo VI, era chiaro. Inoltre, io esorterei i medici che facciano di tutto per trovare i vaccini contro queste due zanzare che portano questo male: su questo si deve lavorare».

Nel corso della recente riunione convocata dal Presidente del Consiglio economico e sociale dell’Onu per fare il punto sul virus Zika, l’osservatore permanente della Santa Sede, Monsignor Bernardito Auza, ha segnalato il bisogno di una «adeguata vigilanza e non paura», criticando la richiesta dell’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite di liberalizzare le leggi sull’aborto e l’accesso ai farmaci abortivi come soluzione per combattere il virus: «E’ una risposta illegittima, la promozione di una politica così radicale è la conferma di un fallimento della comunità internazionale per fermare la diffusione della malattia e sviluppare e fornire i trattamenti medici di cui hanno bisogno le donne incinte e i loro bambini, per evitare patologie alla nascita o mitigarne gli effetti e portare la gravidanza a termine». Mons. Bernardito Auza ha concluso il suo intervento richiamando «il dovere di salvaguardare tutta la vita umana, sana o disabile, con eguale impegno, non lasciando indietro nessuno».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->