sabato, Dicembre 4

Antartide, il distacco dell’enorme iceberg dalla piattaforma Larsen C

0

Un iceberg grande come la Liguria si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide. Ad annunciarlo il progetto Midas dell’università gallese di Swansea che da tempo segue la situazione. A staccarsi una massa di ghiaccio da 5.800 chilometri quadrati dal peso di un trilione di tonnellate e con uno spessore tra 190 e 210 metri. Si tratterà di uno degli iceberg più grandi che si siano distaccati.

Sino ad oggi erano rimasti meno solo 4.5 chilometri di ghiaccio a tenere la porzione della piattaforma Larsen C ancorata all’Antartide. Tra il 24 e il 27 giugno scorsi però la velocità di distacco era aumentata di tre volte (dieci metri al giorno) e questo faceva presupporre ad una rottura imminente.

C’è da rilevare però che il pezzo potrebbe non rimanere intero. Infatti secondo le immagini registrate dal satellite Esa Sentinel-1, a causa di un rilascio di sollecitazioni accumulate in precedenza la fenditura si è ramificata formando diverse punte di spaccatura che per i ricercatori potrebbero portare alla formazione di diversi iceberg più piccoli oltre a quello più grande separatosi.

Di «evento eccezionale ma che non influisce sull’innalzamento del livello del mare» e del quale «non ci sono evidenze dirette per dire che sia una conseguenza dei cambiamenti climatici» parla Carlo Barbante, glaciologo e direttore dell’Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Consiglio nazionale delle ricerche (Idpa-Cnr), intervistato dall’AGI.

«La dinamica è seguita nei minimi particolari e questo servirà per studiare meglio i fenomeni. Le piattaforme non contribuiscono all’innalzamento del livello del mare, vi è già un equilibrio. E’ come del ghiaccio che si spezza in un bicchiere di Coca-Cola. I fenomeni però vanno monitorati perché questi distacchi riducono la barriera di ghiaccio» presente nell’Antartide. Solo negli anni a seguire si potrà avere una visione più completa e capire se vi sia stata un’influenza sul riscaldamento globale.

(video tratti dai canali Youtube di RT e Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->