martedì, Maggio 18

Anonymous sventa attacco ISIS in Italia La propaganda dello Stato Islamico passa anche per la rete e i noti social media

0

Gli attivisti di Anonymous hanno messo in rete un video nel quale affermano di aver sventato un primo attacco ISIS in Italia di natura terroristica, a seguito delle azioni per rubare informazioni preziose e provocare al tempo stesso gravi falle ai siti legati alla propaganda internet di ISIS. Tale manovra di attacco è legata ad #OpParis all’interno di #OpISIS, per combattere e dare la caccia ai jihadisti on-line dopo le atrocità degli attacchi avvenuti a Parigi del novembre scorso che causarono la morte di 130 persone.

Gli attivisti hanno usato tale tweet per annunciare che in questo mese stanno lavorando in incognito e hanno già sventato un primo attacco ISIS contro l’Italia e sperano di bloccarne altriNessun ulteriore dettaglio è stato fornito sulla trama dell’attentato sventato. Nel video, il portavoce indossa la nota maschera del gruppo di Guy Fawkes, avvertendo i terroristi  ISIS che hackers di Anonymous provenienti da tutto il mondo gli stanno per dare la caccia, di sapere che li troveranno, staneranno nella più grande operazione mai fatta contro di loro e non li lasceranno andare. Si devono quindi preparare ad una guerra così dichiarata che renderà i francesi sempre più forti rispetto alle atrocità subite in precedenza.

(tratto dal sito internet del ‘Mail Online’ del noto giornale cartaceo ‘Daily Mail’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->