sabato, Maggio 15

Anniversario della battaglia di Okinawa

0

La battaglia di Okinawa, nome in codice ‘Operation Iceberg‘, fu combattuta sulle isole Ryukyu di Okinawa ed è stato il più grande assalto anfibio della guerra del Pacifico della Seconda Guerra Mondiale. La battaglia durò dal 1 aprile fino a metà giugno 1945, quindi 82 giorni esatti. Dopo una lunga campagna di isola in isola, gli Alleati si stavano avvicinando in Giappone, e prevedevano di utilizzare Okinawa, una grande isola solo 340 km (550 km) di distanza dalla terraferma Giappone, come base per le operazioni di volo sul pianificata invasione della terraferma giapponese (‘Operation Downfall‘). 4 divisioni degli Stati Uniti, 10 Armerie (7 °, 27 °, 77 °, e 96 °) e 2 Divisioni Marine (la 1 ° e la 6 °) hanno combattuto sull’isola. La loro invasione è stata sostenuta da forze aeree navali, anfibi, e tattici. La battaglia è stata denominata in inglese ‘typhoon of steel’ (‘tifone d’acciaio‘), e ‘Tetsu no ame‘ (‘pioggia di acciaio‘) o ‘Tetsu no bofu‘ (‘vento violento di acciaio‘) in giapponese. I soprannomi si riferiscono alla ferocia dei combattimenti, l’intensità degli attacchi kamikaze da parte dei difensori giapponesi, e ai numeri puri di navi alleate e veicoli blindati che assaltarono l’isola.

(tratto dal sito di ‘You Tube‘ che riporta un cinegiornale della ‘US Office of War Information‘, pellicola di dominio pubblico del ‘US National Archives‘, un po ‘tagliata per rimuovere i bordi irregolari, con il rapporto di aspetto corretto, e la riduzione del rumore video lieve applicata)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->