venerdì, Maggio 14

Anna Cascella Luciani attende risposte dal Comune di Roma Petizione on line conclusa positivamente; si attende incontro con Sub Commissario Clara Vaccaro

0

La petizione scaturita dall’articolo di Giuliano Compagno dal titolo ‘Una casa per Anna Cascella Luciani’, formalizzata e messa in rete, attraverso Avaaz, da Vito U. Vavalli, ha raggiunto le mille firme, che Vavalli auspicava.
Ora Vavalli prenderà appuntamento -che si spera possa essere dato non troppo in là- con l’Ufficio capitolino preposto, quello del Sub Commissario alle Politiche sociali e abitative, Dottoressa Clara Vaccaro.
Andranno, insieme a Vavalli, ci dice Anna Cascella Luciani, “quella che ho chiamato ‘la delegazione del possibile’, oltre a Giuliano Compagno, Marisa Tolve -che per prima ha promosso la petizione presso il Comune di Roma-, e  Patrizia Faragliache molto ha sostenuto e lavorato per la petizione”.
L’auspicio di Anna è che l’appuntamento il Sub Commissario Vaccaro possa darlo in tempi stretti, “Vacanze di Pasqua…, prossime elezioni amministrative…, e subbuglio giornaliero romano a parte”, a parte, anche, le promesse elettorali, Anna attende risposte concrete.
‘L’Indro’ si farà carico di monitorare i tempi della politica, gli impegni e la loro effettiva attuazione, o, in alternativa, i silenzi. Badate a voi, non fate troppi scherzi!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->