mercoledì, Agosto 4

Anche lo Zambia legalizza la canapa Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 22 al 26 Marzo

0

Anche lo Zambia si allinea al nuovo corso globale favorevole alla coltivazione della canapa, coltura tradizionale ma anche a distinguere -per legge- tra canapa e marijuana. La misura richiede l’istituzione di licenze per l’agricoltura, la lavorazione, lo stoccaggio, l’importazione / esportazione e la distribuzione della canapa e prevede la regolamentazione della ricerca sulla canapa. Un secondo disegno di legge sulla cannabis, anch’esso approvato, stabilirà un quadro simile per la marijuana per scopi medicinali, scientifici e di ricerca. Meno di 7 milioni dei 335 milioni di abitanti d’America vivono in luoghi senza un certo grado di legalizzazione della marijuana. Il resto possiede tre gradi di legalizzazione. Ci sono 11 stati di terzo grado con programmi ad accesso limitato (SLA) che coprono una popolazione di appena 90 milioni di persone. Ci sono anche altri 20 Stati e due territori (Porto Rico e Isole Vergini americane) che sono esclusivamente regimi di uso medico di secondo grado. Poi ci sono solo tre valori anomali dello Stato continentale e un territorio degli Stati Uniti in cui la marijuana è “completamente illegale”, cioè essendo proibita per l’uso in qualsiasi forma. Questi sono Idaho, Kansas, Nebraska e Samoa americane. Idaho: i legislatori statali alla Camera dei rappresentanti hanno votato questa settimana a favore di un disegno di legge che autorizzerebbe l’agricoltura, la lavorazione, il trasporto e la ricerca della canapa industriale. Più di 13 mesi dopo l’approvazione del Farm Bill 2018, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) sta lanciando due programmi pilota di assicurazione delle colture per la stagione di crescita 2020 dell’industria della canapa.

 

Zambia

Il Governo approva la legge sulla canapa e sulla marijuana

Il Governo dello Zambia ha introdotto due misure sulla cannabis in Parlamento. L’Industrial Hemp Bill, 2021, istituirà le licenze per l’agricoltura, la lavorazione, lo stoccaggio, l’importazione/esportazione e la distribuzione della canapa e prevede la regolamentazione della ricerca sulla canapa. Una seconda misura, The Cannabis Bill, 2021, stabilirà un quadro simile per la marijuana per scopi medicinali, scientifici e di ricerca. Il governo ha detto che entrambi i settori potrebbero essere un vantaggio per l’economia dello Zambia.

Il Governo dello Zambia ha successivamente approvato un disegno di legge per legalizzare la canapa. La misura richiede l’istituzione di licenze per l’agricoltura, la lavorazione, lo stoccaggio, l’importazione / esportazione e la distribuzione della canapa e prevede la regolamentazione della ricerca sulla canapa. Un secondo disegno di legge sulla cannabis, anch’esso approvato, stabilirà un quadro simile per la marijuana per scopi medicinali, scientifici e di ricerca. Il governo ha detto che entrambi i settori potrebbero essere un vantaggio per l’economia dello Zambia. Zambia OKs hemp, MJ laws (hemptoday.net)

La motivazione dello Zambia è radicata in un pesante deficit fiscale e nel crescente carico del debito. La crescita del debito estero a $10,5 miliardi alla fine del 2018 da $8,74 miliardi di un anno prima ha sollevato timori che il Paese sia diretto verso una crisi del debito.

Lo Zambia ha tagliato le sue previsioni di crescita per il 2019 a settembre perché il maltempo aveva colpito la produzione di colture e la generazione di elettricità, mentre il Fondo monetario internazionale ha affermato che la crescita dovrebbe rimanere contenuta nel medio termine.

Il presidente del Partito dei Verdi dell’opposizione dello Zambia Peter Sinkamba, che sostiene l’esportazione di cannabis dal 2013, ha affermato che la mossa potrebbe far guadagnare allo Zambia fino a 36 miliardi di dollari all’anno.

«A seconda di come viene fatto correttamente, questo potrebbe semplicemente cambiare il volto dell’economia dello Zambia», ha detto Sinkamba a Reuters. «Questa potrebbe essere una benedizione o una maledizione, come diamanti e oro, a seconda della direzione politica».

Siliya ha detto che il governo aveva ordinato al ministero della salute di coordinare il rilascio delle licenze necessarie mentre un comitato tecnico composto da ministri di una serie di dipartimenti avrebbe elaborato le linee guida.

 

Stati Uniti

In quali Stati la marijuana è ancora del tutto illegale?

Meno di 7 milioni dei 335 milioni di abitanti d’America vivono in luoghi senza un certo grado di legalizzazione della marijuana.

Il resto possiede tre gradi di legalizzazione. Ci sono 11 stati di terzo grado (raffigurati in giallo nell’illustrazione piramidale sopra) con programmi ad accesso limitato (SLA) che coprono una popolazione di appena 90 milioni di persone.

Ci sono anche altri 20 Stati e due territori (Porto Rico e Isole Vergini americane) che sono esclusivamente regimi di uso medico di secondo grado (indicati in blu) e che hanno una popolazione totale di quasi 118 milioni di residenti.

Infine, ci sono più di 120 milioni di abitanti nei 16 stati e territori di primo grado (l’area verde nella piramide), di cui tutti hanno legalizzato l’uso ricreativo di marijuana e hanno anche lo status di uso medico coesistente (secondo grado).

L’apice dell’illustrazione della piramide mostra che ci sono solo tre valori anomali dello Stato continentale e un territorio degli Stati Uniti in cui la marijuana è “completamente illegale”, cioè essendo proibita per l’uso in qualsiasi forma.

Questi sono Idaho, Kansas, Nebraska e Samoa americane.

Ma quei luoghi «completamente illegali» hanno agitazioni di movimento verso lo stato di terzo grado, accesso severamente limitato (SLA) o lo stato di uso medico di secondo grado.

Come regola generale, gli stati ei territori della marijuana medica di secondo grado consentono ai pazienti, come minimo, di possedere e fumare marijuana medica, mentre gli SLA (come il Texas, che è stato in tribunale di stato questa settimana cercando di vietare la canapa fumabile) non lo fanno.

Idaho

In Idaho, dove il governatore ha posto il veto a una proposta di SLA nel 2015 che avrebbe consentito l’uso di marijuana a basso contenuto di THC per l’epilessia, i residenti stanno cercando una riforma nonostante i blocchi legislativi repubblicani dello stato.

Se una proposta di iniziativa sulla marijuana del 2022 fa il ballottaggio e passa, questo supererà l’Idaho oltre lo stato di SLA e lo sposterà direttamente nella colonna di secondo grado.

Nebraska

Circa 190.000 abitanti del Nebraska (oltre il 10% degli elettori registrati dello stato) hanno firmato per inserire un emendamento costituzionale per uso medico sulla scheda elettorale del 2020.

Tuttavia, nel settembre 2020, le forze dell’ordine hanno citato in giudizio per bloccare l’iniziativa di voto.

La Corte Suprema del Nebraska, per “motivi procedurali”, ha tenuto la misura fuori dal ballottaggio, ritenendo che violasse le formalità di un soggetto del Nebraska cercando di legalizzare il possesso, la distribuzione e la produzione di marijuana medica.

I residenti di Unbowed Nebraska hanno proposto un’altra iniziativa sulla marijuana medica per le elezioni del 2022.

Kansas

In Kansas, dove i cittadini non hanno il potere di avviare misure di iniziativa degli elettori in tutto lo stato, l’anno scorso i legislatori hanno elaborato un disegno di legge sulla marijuana medic, ma è morto in commissione.

Tuttavia, il governatore del Kansas ha recentemente preso il sopravvento e ha spinto per una nuova legislazione sulla marijuana medica sostenendo che l’aumento delle entrate potrebbe essere utilizzato per l’espansione di Medicaid dello Stato e una nuova misura sulla marijuana medica è stata introdotta il mese scorso presso la Statehouse del Kansas.

E questo mese, i legislatori democratici del Kansas hanno introdotto una legislazione per legalizzare l’uso ricreativo.

Samoa americane

A causa delle carenze di budget, si discute persino della legalizzazione nelle Samoa americane, un territorio americano nel Pacifico meridionale a circa 5.000 miglia a ovest della California. Le Samoa americane, composte da circa 55.000 persone, sono l’unico territorio abitato degli Stati Uniti in cui i suoi residenti sono nati sul “suolo americano” ma sono legalmente considerati cittadini statunitensi non cittadini.

Approccio federale

Consideriamo ora l’approccio del Governo federale alla marijuana.

Fino ad oggi, praticamente per tutti gli americani, è illegale a livello federale possedere marijuana in qualsiasi quantità. È illegale portare la marijuana su un aereo, metterla nella posta degli Stati Uniti o trasportarla attraverso i confini di Stato.

Il movimento della marijuana tra gli stati costituisce il “commercio interstatale“, che il governo federale ha regolamentato sin dalla fondazione della Nazione.

Le aziende di marijuana non possono ottenere prestiti per piccole imprese o fondi federali di soccorso COVID-19, e sono evitate dalla maggior parte delle banche assicurate a livello federale data la possibilità di esposizione federale al riciclaggio di denaro per facilitazione finanziaria di una droga illegale a livello federale.

Le aziende produttrici di marijuana non possono dichiarare bancarotta, un “privilegio” economico federale concesso ad altre aziende e individui americani che consente loro di “ricominciare” o riorganizzare.

Le transazioni con carta di credito per le aziende di marijuana sono complicate. Ma le principali società come American Express, Mastercard e Visa tradizionalmente non hanno consentito l’uso delle loro carte per quelle che sembrano essere transazioni di marijuana.

E la marijuana, anche se usata a livello medico, non può essere detratta come spese mediche dalle dichiarazioni dei redditi federali.

Le aziende di marijuana non possono (come altre aziende) detrarre le spese aziendali ordinarie e necessarie, una posizione sostenuta dall’amministrazione Biden solo a febbraio.

È stato allora che il procuratore generale in carica Elizabeth Prelogar ha presentato un documento legale alla Corte Suprema degli Stati Uniti nel caso di Standing Akimbo LLC et al. v. Stati Uniti, n. 20-645, sostenendo che secondo la legge federale, la marijuana rimane illegale a livello federale.

Di conseguenza, il Governo ha motivato che l’IRS ha agito correttamente nella richiesta di documenti fiscali per una società di marijuana “legale dallo Stato” in Colorado che era sotto inchiesta per aver indebitamente preso deduzioni federali inammissibili.

Inoltre, è illegale per un membro delle forze armate usare la marijuana – è vietato dal Codice uniforme di giustizia militare, articolo 112a – e rimane illegale usare la marijuana come dipendente federale, compresi quelli che attualmente lavorano alla Casa Bianca.

Il quadro costituzionale americano si basa su sistemi governativi doppi e spesso concorrenti: federale e statale. La marijuana è illegale a livello federale da più di 50 anni.

Nessuno dei regimi di legalizzazione statale nello spazio sostituisce la prelazione federale. Chiunque (e qualsiasi azienda) che ignori l’illegalità federale della marijuana corre un grosso rischio.

L’ignoranza non è beatitudine.

 

Stati Uniti

L’approvazione della legge in Idaho renderà completo il processo di trasformazione dello Stato in Nazione amica della Canapa

L’Idaho sembra essere vicino al traguardo nello stabilire un programma di canapa, arrivando all’ultimo posto in termini di successione temporale.

I legislatori statali alla Camera dei rappresentanti hanno votato questa settimana a favore di un disegno di legge che autorizzerebbe l’agricoltura, la lavorazione, il trasporto e la ricerca della canapa industriale. Se il Senato dello stato approva il disegno di legge, l’Industrial Hemp Research and Development Act, significherebbe che tutti i 50 stati degli Stati Uniti ora hanno programmi per la canapa di una forma o dell’altra.

Mentre il disegno di legge dell’Idaho passa al Senato dello Stato, i sostenitori hanno affermato che sperano che risolverà anni di dibattito su come consentire la produzione di canapa mentre si gestiscono le preoccupazioni sulla marijuana. In un ovvio contentino per gli oppositori, la canapa sarebbe ancora considerata un farmaco di Tabella I ai sensi della legge proposta, ma sarebbero concesse licenze per la manipolazione di piante e materiali che rimangono entro il limite federale di THC per la canapa industriale dello 0,3%.

Obiettivi delineati

«Il nostro primo obiettivo è legalizzare la produzione di canapa industriale nello Stato. In secondo luogo, il nostro obiettivo è mantenere una politica antidroga forte e applicabile; e terzo, lavorare per garantire che tutte le parti interessate siano a proprio agio con la proposta che abbiamo sviluppato», ha detto Braden Jensen, un lobbista per la Idaho Farm Bureau Federation, mentre il disegno di legge è passato da un comitato della Camera al passaggio finale dalla camera bassa.

L’Idaho è l’unico stato degli Stati Uniti senza un programma per la canapa dopo che un’ondata di Stati si è corsa per emanare leggi e regolamenti in seguito all’approvazione del Farm Bill del 2018 che legalizzava la canapa a livello federale. Mentre alcuni Stati hanno iniziato a coltivare la canapa negli Stati Uniti nell’ambito di un programma pilota federale stabilito dal Farm Bill 2014, l’approvazione del disegno di legge del 2018 ha stimolato rapidi sviluppi a partire dall’inizio del 2019. Alcuni programmi statali funzionano ancora secondo le regole del programma pilota originale del 2014, mentre altri lo hanno avevano già i loro programmi statali approvati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

In base alla misura proposta in Idaho, House Bill 126, il Dipartimento dell’Agricoltura dello Stato sarebbe tenuto a redigere un piano conforme alla legge federale entro il 1 ° settembre. Tale piano fisserebbe i requisiti di licenza per tutte le attività commerciali legate alla canapa e istituirebbe una canapa industriale Fondo amministrativo di $ 150.000 per un responsabile del programma e le operazioni. La tempistica della misura non consentirebbe una stagione di coltivazione della canapa industriale quest’estate.

Ancora Scheda I

Il disegno di legge modificherebbe l’elenco delle sostanze controllate dell’Idaho per distinguere tra canapa e marijuana, ma la canapa sarebbe ancora considerata un narcotico Schedule I. Solo agricoltori, trasportatori e trasformatori autorizzati potevano gestire l’impianto.

Con l’attuale legge dell’Idaho che non fa distinzione tra canapa industriale e marijuana, i camionisti che trasportavano canapa attraverso lo Stato sono stati arrestati e minacciati con accuse di traffico di droga e pene detentive.

Con un programma di licenze in atto, i produttori e i trasportatori sarebbero in grado di gestire in modo sicuro raccolti fino allo 0,3% di THC. Ma se vengono trovati con materiale che supera tale limite, «possono essere soggetti a sanzioni penali per la marijuana», secondo il disegno di legge, che propone che le violazioni per la prima volta siano multate fino a $150, con le seconde violazioni limitate a $ 300. Violare la legge tre o più volte entro cinque anni potrebbe comportare una multa fino a $ 1.000 e il carcere.

15 pagine sulle “droghe”

Riflettendo la sensibilità alle preoccupazioni contro la marijuana nello stato, quasi 15 pagine del disegno di legge di 18 pagine sono dedicate ad argomenti come «narcotici» e «armamentario» e lunghi elenchi che descrivono e definiscono droghe stupefacenti.

I tentativi legislativi di legalizzare la canapa in Idaho hanno ripetutamente fallito a causa dei respingimenti delle forze dell’ordine. L’anno scorso, la legislazione sulla canapa è stata approvata per prima dal Senato dell’Idaho ma è stata uccisa alla Camera dopo che gli attivisti anti-marijuana avevano avvertito che il disegno di legge avrebbe aperto la porta a una «cultura della marijuana e della canapa» nello Stato.

Il South Dakota è stato il 48° Stato ad iniziare con la canapa industriale, lanciando un programma nella primavera del 2020; Il Mississippi, al 49° posto, è seguito la scorsa estate.

I funzionari federali il mese scorso hanno approvato una richiesta della tribù Nez Perce, le cui terre sovrane sono in Idaho, per regolamentare la propria produzione di canapa. Si dice che un totale di 48 tribù abbiano in atto programmi di canapa approvati a livello federale negli Stati Uniti.

 

Stati Uniti

Dr.Dabber CBD cresce fino a raggiungere il top nonostante la confusione dell’industria della canapa

Sembra che la canapa e il CBD siano stati a lungo i protagonisti di una delle soap opera americane. Legale qui, non legale là – approvato come “questo” ma non come “quello“. L’infinita varietà di canapa e CBD continua a creare confusione per i coltivatori, i produttori e l’utente finale di molti prodotti derivati ​​dalla canapa.

La persistente confusione che circonda i prodotti CBD dalla canapa crea opportunità per i “cattivi giocatori” di trarre vantaggio dai molti consumatori di CBD potenzialmente vulnerabili che entrano nel mercato ogni giorno. Mentre i legislatori continuano ad approvare leggi che stabiliscono ulteriormente la canapa e il CBD nella nostra vita quotidiana, è ancora in gran parte nelle mani dei produttori di prodotti fornire informazioni accurate sulla sicurezza dei loro prodotti; un processo che alla fine inizia con i coltivatori.

La canapa stabilisce le sue radici

Dall’Industrial Hemp Farming Act del 2012,0 la canapa ha subito una serie di modifiche legislative che hanno ulteriormente consolidato la sua presenza come potenza agricola negli Stati Uniti. Mentre il Farm Bill del 2018 legalizzava esplicitamente la coltivazione della canapa a livello federale, c’erano molte aree grigie che tormentavano i coltivatori. Più di recente, l’AgriculturalMarketing Service dell’USDA ha pubblicato la versione finale della norma che chiarisce i regolamenti sulla coltivazione della canapa negli Stati Uniti. La regola copre, tra le altre cose, le procedure per il corretto controllo e smaltimento delle colture di canapa coltivate negli Stati Uniti.

Teoricamente, le nuove regole richiedono che tutti i coltivatori di canapa registrino la superficie coltivata e seguano procedure rigorose per testare il contenuto di THC e smaltire eventuali colture non conformi o di scarto. Ma secondo la Farm Service Agency, c’è una sospetta grande discrepanza tra le superfici riportate dai coltivatori di canapa e le cifre reali. Allora cosa sta succedendo con tutta la canapa non dichiarata?

Dove va la canapa?

Le discrepanze tra la superficie di canapa segnalata e quella effettivamente coltivata dovrebbero allarmare i consumatori di CBD. I sospetti in tutto il settore suggeriscono che parte di questa canapa non dichiarata viene utilizzata nella produzione di prodotti destinati al consumo, come penne, oli e capsule CBD. Il problema qui è che tra le ragioni per non dichiarare la tua superficie totale c’è l’assenza di standard per colture non regolamentate, quindi i coltivatori di canapa potrebbero essere in grado di tagliare gli angoli per risparmiare denaro e alla fine fornire un prodotto discutibile.

Abbinalo all’assenza di una chiara autorità per la qualità dei prodotti CBD di canapa e puoi vedere come il consumatore di CBD possa trovarsi inconsapevolmente in una brutta situazione. Ma i membri del Congresso stanno spingendo per alleviare alcune delle tensioni che esistono intorno ai prodotti CBD attraverso l’introduzione di un nuovo disegno di legge che potrebbe aprire la strada all’approvazione della FDA del CBD come integratore. Se il disegno di legge venisse approvato, creerebbe una supervisione sui prodotti CBD e quasi immediatamente migliorerebbe gli standard di sicurezza della canapa CBD prontamente disponibile nei negozi e online.

Nel frattempo, i consumatori di CBD possono considerarsi fortunati che ci siano alcuni marchi che si sono presi la responsabilità di essere leader di sicurezza, qualità e trasparenza nel settore del CBD. Questi amministratori del settore stabiliscono volontariamente gli standard del settore per garantirne la longevità, ma soprattutto la vostra sicurezza.

Fissando gli standard per il CBD

Marchi come Dr.Dabber che producono una varietà estesa di penne e cartucce di CBD ad ampio spettro stanno aprendo la strada con i loro standard di qualità, tutti a partire dalla coltivazione della genetica della canapa che entra nella creazione dei loro prodotti.

Il Dr.Dabber ha lanciato la sua linea di distillato CBD ad ampio spettro premium nel novembre 2019, al culmine della crisi dei vaporizzatori del mercato nero. Il rilascio di un nuovo prodotto CBD in un clima teso pieno di sfiducia e penne svapo di scarsa qualità ha rappresentato degli ostacoli per l’azienda di vaporizzatori, ma data la qualità dietro gli ingredienti premium nelle formulazioni proprietarie del Dr.Dabber, erano fiduciosi che la nuova linea di carrelli CBD sarebbe stata un successo . Il Dr.Dabber è noto nel settore per la tecnologia all’avanguardia e i prodotti affidabili: il loro CBD non fa eccezione a questa regola.

Prima del lancio nel 2019, il Dr.Dabber aveva trascorso quasi due anni a sviluppare la sua linea di distillati CBD Premium. Sebbene il lancio durante una crisi del vaporizzatore fosse rischioso, Dr. Dabber è stato in grado di prendere il controllo della situazione, ispirando il loro primo slogan di marketing per la linea: «Un prodotto che non solo amerai ma di cui ti fidi».

Con la recente controversia sulle cartucce, Dr.Dabber ha sentito il bisogno di essere completamente trasparente con il pubblico non solo su ciò che va in ogni singola miscela di distillato di CBD, ma anche su come ogni lotto viene elaborato e testato. Il distillato CBD ad ampio spettro del Dr. Dabber utilizza solo due semplici ingredienti: olio di canapa puro e terpeni di derivazione botanica. Inoltre, i loro carrelli CBD non contengono riempitivi e nessun olio MCT. Utilizzando un metodo di estrazione innovativo, l’azienda di vaporizzatori ha miscelato con successo questi due ingredienti, creando una soluzione liquida di CBD stabile ma non è tutto.

La pluripremiata azienda di vaporizzatori è andata oltre e ha fornito tutti i risultati dei test della sua linea di vaporizzatori CBD a rivenditori e consumatori. Chiunque abbia uno smartphone può accedere facilmente ai risultati di laboratorio specifici per lotto con una rapida scansione di un codice QR, comodamente posizionato su tutte le confezioni del prodotto. Per coloro che desiderano controllare i risultati di laboratorio prima dell’acquisto, Dr. Dabber ha collegato gli stessi risultati di laboratorio specifici per lotto sulla pagina del prodotto di ciascuna cartuccia.

Cartucce CBD per tutti

A partire da ora, le penne e le cartucce per vaporizzatori CBD del Dr. Dabber sono costituite da quattro miscele distintamente uniche: originale, agrumata, fresca e robusta. I complessi profili aromatici sono stati sviluppati per essere sottili, ma immediatamente riconoscibili, creando un distillato perfettamente bilanciato. Senza due gusti uguali, la linea di distillati di CBD del Dr. Dabber ha qualcosa per tutti.

ORIGINALE

Confezionato nel caratteristico blu ciano del Dr. Dabber, la cartuccia della miscela originale CBD presenta note di agrumi, frutta candita e bacche con semi acerbi. Sia soddisfacente che sottile, il Dr. Dabber ha descritto questa miscela come quello che secondo loro «le cartucce perfette hanno un sapore».

AGRUMI

Citrus è una miscela corroborante di fiori d’arancio e caprifoglio. Risveglia le tue papille gustative con un miscuglio di agrumi tra cui pompelmo, limoni e lime. Questa miscela è l’opzione perfetta per gli utenti che amano i sapori dolci e fruttati.

FRESCO

La miscela Fresh fornisce un’espressione rinfrescante e luminosa di tutto ciò che è verde. Note di pino, menta, cetrioli ed erba appena tagliata trasportano i tuoi sensi direttamente nell’estate. Abbiamo anche sentito questa miscela descritta come avente un sapore di “mela verde“.

ROBUSTA

Ultimo, ma certamente non meno importante, il Dr. Dabber offre la cartuccia CBD miscela robusta. Robusta si distingue dalle altre miscele con un profilo aromatico saporito composto da bourbon, viola e note terrose. Questa miscela ha un profilo aromatico molto complesso e ricco; una cartuccia corposa perfetta per chi cerca un’esperienza gustosa.

Il CBD è qui per restare

Con le continue modifiche alle leggi sulla canapa e sul CBD negli Stati Uniti, è comprensibile che il consumatore medio potrebbe non essere sempre al passo con le ultime informazioni riguardanti le normative sulla canapa o le penne per vaporizzatori e i prodotti correlati. Ci sono certamente ancora alcune insidie ​​che esistono sia nell’industria della canapa che in quella del CBD, ma ti assicuriamo che i cambiamenti positivi si stanno verificando su base costante. Ti invitiamo a ricercare ogni prodotto che stai prendendo in considerazione, che si tratti di una cartuccia per sigaretta elettronica CBD del Dr. Dabber o di un prodotto per animali domestici CBD di un’altra marca.

 

Stati Uniti

Cinque cose da conoscere circa i Programmi Assicurativi sulle Colture di Canapa dell’USDA

Più di 13 mesi dopo l’approvazione del Farm Bill 2018, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) sta lanciando due programmi pilota di assicurazione delle colture per la stagione di crescita 2020 dell’industria della canapa. Ci sono cinque dettagli chiave che i coltivatori devono conoscere su di loro:

# 1) Il CBD si qualifica per l’assicurazione sul raccolto

Quando la canapa è stata resa legale a livello federale ai sensi del Farm Bill 2018, gli agricoltori erano curiosi di sapere se le colture coltivate per il CBD potessero essere assicurate. Inizialmente, l’USDA consentiva di coprire solo le colture coltivate per fibre, fiori e semi, ma incluse le colture per il CBD nel suo annuncio dei programmi assicurativi.

# 2) Gli agricoltori di canapa possono richiedere entrambi i tipi di assicurazione

Il primo programma dell’USDA, Multi-Peril Crop Insurance(MPCI), offre protezione contro varie cause naturali tra cui siccità, umidità eccessiva, gelo e malattie. L’MPCI include spesso protezione del rendimento e protezione del prezzo dalle fluttuazioni del mercato.

MPCI offre una copertura 50/55 contro le perdite assicurabili, il che significa che se la produzione di una stagione scende al di sotto del 50% del rendimento medio di un’azienda agricola, le perdite vengono pagate a un tasso del 55% del prezzo più alto. È disponibile una protezione aggiuntiva fino a una copertura 75/100.

Il secondo tipo di copertura dell’USDA è il Programma di assistenza in caso di disastro delle colture non assicurate (NAP). Offerto in aree in cui non è disponibile un programma di assicurazione federale permanente delle colture, la copertura NAP di base inizia a 50/55, con copertura aggiuntiva disponibile a un costo di servizio. La copertura è di $ 325 per raccolto o $ 825 per produttore per contea, per non superare $ 1.950 per i produttori con attività in più Contee.

# 3) Come qualificarsi

I coltivatori che desiderano una copertura assicurativa per le colture devono essere autorizzati in conformità con le normative statali, tribali o federali, oppure operare nell’ambito di un programma pilota di ricerca come autorizzato dal Farm Bill 2014. I coltivatori devono anche segnalare la superficie coltivata a canapa alla Farm Service Agency dell’USDA dopo la semina.

Oltre ai requisiti federali di base per l’assicurazione del raccolto di canapa, i produttori devono avere almeno un anno di storia di produzione e un contratto di vendita per la canapa assicurata e soddisfare i requisiti di superficie di 5 acri per CBD e 20 acri per grano e fibra.

# 4) La copertura MPCI non è disponibile a livello nazionale

Per ora, la copertura MPCI è disponibile solo in una manciata di contee in stati selezionati tra cui Alabama, California, Colorado, Illinois, Indiana, Kansas, Kentucky, Maine, Michigan, Minnesota, Montana, New Mexico, New York, North Carolina, North Dakota, Oklahoma, Oregon, Pennsylvania, Tennessee, Virginia e Wisconsin. Le contee idonee sono identificate nel Browser delle informazioni attuariali dell’Agenzia per la gestione del rischio dell’USDA.

# 5) La canapa hot non è coperta

I test sulle colture di canapa oltre il limite federale di THC dello 0,3% non saranno coperti dai programmi.

La scadenza per richiedere l’assicurazione per il raccolto di canapa è il 16 marzo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->