sabato, Novembre 27

Anche Ben Carson in corsa come Presidente!

0

Ben Carson , un neurochirurgo in pensione, che ha sviluppato un seguito appassionato di elettori repubblicani per la sua pressante critica al presidente Obama, è tornato nella sua città natale di Detroit lunedì mattina per un discorso di presentazione per la sua candidatura alle elezioni Presidenziali Usa del 2016. Oltre a lanciare molti messaggi istantanei e di impatto durante il discorso, due corrispondenti del giornale ‘The New York Times‘ hanno analizzato l’ambiente e il tono del kickoff del candidato Carson, molto diverso da quelli tenuti in precedenza da altri possibili candidati alle Presidenziali USA 2016, come Hillary Rodham Clinton e Bernie Sanders, già da varie settimane impegnati in una campagna elettorale estenuante, ma fondamentale (soprattutto negli USA), girando per le maggiori città degli Stati Uniti per tenere comizi elettorali che influenzino positivamente gli americani votanti per le elezioni del prossimo 2016 e per convincerli che le loro idee sono innovative e decisive per far crescere e prosperare tale Nazione. Il comizio di Ben Carson è così incredibilmente coreografato, soprattutto perché utilizza anche musica e video, anche se l’illuminazione gialla e morbida sembrava quella di un telethon PBS. Ben Carson riprende a volte le parole usate da altri candidati alla Presidenza, come l’espressione “classe politica”, usato da Carly Fiorina come un grido ad insorgere per cambiare la sorte degli USA, ma che diventa sinonimo di un atteggiamento politico ‘ousiders’ e quindi caricato di un nuovo significato. Carson parla di economia, anche se si dilunga sul problema del PIL e dell’immigrazione in maniera troppo dettagliata e complessa per essere capito realmente dal pubblico presente, anche se quando parla di abbassare il reddito dei più poveri per agevolare le classi meno abbienti coloro che sono presenti al comizio cominciano ad applaudire e manifestare in maniera esplosiva il loro assenso verso il candidato. Carson aggiunge anche che è sua intensione rendere gli Stati Uniti un colosso d’efficienza in campo statale. Il suo discorso però non scade nella mera demagogia, anche se a volte Carson parla a braccio senza seguire punti precisi. Gli analisti politici credono che Carson raccoglierà molti voti in molti municipi dell’Iowa e del New Hampshire perché possiede un’immediatezza e un’empatia con il pubblico che sicuramente lo potrebbe conquistare ed essere decisivo per la sua elezione nel 2016.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘The New York Times‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->